Colloquio e progetti di homeschooling

Lunedì pomeriggio ho avuto il primo colloquio con le insegnanti di Matilde. Di già!?!?!?!? Eh si! non amo perdere tempo e amo mettere subito le cose in chiaro.
E devo dire che devo congratularmi con me stessa.
Ma devo aggiungere una piccola premessa.
A giugno avevamo avuto una brutta sorpresa in pagella. Un voto abbassato rispetto al primo quadrimestre che ci aveva fatto rimanere male, ci aveva sconfortato, sapete come quando siamo convinti di aver dato il meglio di noi stessi, di aver lavorato tanto e poi il frutto del proprio lavoro non viene considerato? So che alcuni di voi sanno di cosa sto parlando!
Ebbene di questo voto ( e preciso che del voto in sè poco ci importa, quello che ci ha deluso era il messaggio che noi avevamo colto) ne avevo parlato con le psicologhe dell’UONPIA che stanno seguendo Matilde. Perchè ne avevo parlato con loro? Perchè io sono la mamma, non sono obiettiva, sono coinvolta emotivamente e avevo bisogno di un parere esterno, oggettivo. Le psicologhe sono effettivamente rimaste un po’ perplesse ma mi hanno consigliato di non affrontare il discorso con l’insegnante “colpevole” ma di lasciare che di questa questione se ne occupassero loro ( e non dubito che lo faranno visto che tra maggio e giugno hanno chiesto tre colloqui con le insegnanti e per un motivo o per un altro quest’ultime hanno disertato l’incontro ).
Lunedì la tentazione di affrontare l’argomento era tanta. Volevo sapere il perchè di quel voto, ma al contempo avevo paura della risposta e visto che nelle ultime settimane il mio fisico mi sta dando segnali di disagio ho deciso di volermi bene e di evitare un’altra notte al Pronto Soccorso.
E’ stato faticoso ma ce lo’ho fatta!
Quindi mi sono limitata a riferire come era andata l’estate rispetto ai compiti delle vacanze e a fare delle proposte rispetto a strumenti compensativi nuovi che potrebbero essere utilizzati da Matilde nel corso di quest’anno.
Hanno accettato tutto!!!
Era presente un’insegnante nuova, che insegnerà musica alla nostra classe ma che aspirerebbe a insegnare italiano e che si è mostrata entusiasta delle nostre tabelle per l’analisi grammaticale ( quelle con i simboli montessoriani) e della scheda per l’analisi dei verbi. WOW!!!!
Insomma tutte le nostre proposte sono state accolte e adesso speriamo che vengano messe in pratica. Ma da questo punto di vista ho molta fiducia in Matilde che ha ben chiaro che cosa deve utilizzare a scuola per alleggerire il carico di lavoro.
L’unica cosa che mi sono dimenticata di accennare riguardava le prove INVALSI che sono in programma in quinta.
Luca ed io siamo dell’idea che o ci danno la garanzia che Matilde le sosterrà in maniera adeguata o Matilde non le sosterrà per nulla. Ma prima di decidere dobbiamo verificare come sarà effettivamente la situazione per cui penso che di questo argomento sarà meglio parlare a tempo debito.
Insomma, finora tutto bene e speriamo che continui così.
Via il dente, via il dolore e adesso si parte con i nostri progetti di homeschooling.
Quando si decide di percorrere la via dell’homeschooling part-time (con in più “l’aggravante di un DSA”), la preoccupazione più grande è quella di non appesantire il lavoro scolastico per cui la sfida è di proporre un modo alternativo, simpatico ed accattivante di apprendere al di là dei libri di testo.
Ecco che cosa ci è venuto in mente per quanto riguarda le materie di studio:
– Storia: è la materia preferita di Matilde e la studia molto volentieri. Continueremo lo studio ufficiale utilizzando le mappe concettuali e lo affiancheremo alla lettura e al gioco.
Per quanto riguarda la lettura sono in via di ordinazione i seguenti libri:
– I ganzi greci
– Hit parade dei miti greci
– I rivoltanti romani
– I rovinosi romani
Questi libriccini sono di Deary Terry e ci mostrano cose che sui libri di scuola non ci sono assolutamente. La storia viene presentata in chiave accattivante e simpatica. Secondo me da non perdere.
De “I rivoltanti romani” è stato realizzato un videogioco per la consolle WII che è troppo carino e narra le avventure di Rassimus, un giovane gladiatore, avventure che si sviluppano attraverso piccole missioni, nelle quali il nostro eroe si cimenta imparando tecniche di combattimento ed esplorando l’antica Roma.
Per la prossima primavera è in programma un fine settimana a Roma, con un percorso ancora da stabilire ( ogni consiglio è ben accetto).

– Geografia: il programma di quinta prevede lo studio delle regioni italiane e allora perchè non studiarle attraverso la raffinata arte culinaria?
Per ogni regione un piatto tipico che ci divertiremo a realizzare insieme e a segnare sulla mega cartina della nostra penisola che stiamo progettando.

– Scienze: protagonista sarà il corpo umano e noi non vedevamo l’ora di utilizzare come si deve la bellissima raccolta “Esplorando il corpo umano” in libri, dvd e omini da “sezionare”.

Per quanto riguarda italiano e matematica, ripasseremo i vari argomenti così come ci verranno proposti dalle insegnanti, ma ci butteremo sul creativo realizzando un bel geopiano per lo studio delle figure geometriche.

Mi piacciono questi progetti.
E allora buon homeschooling a noi e a voi!!!

8 thoughts on “Colloquio e progetti di homeschooling

  1. Quella della prova in valsi sarà una cosa da affrontare anche per me! Sai una cosa Catia? io non riesco più a seguire Alice con lo stesso entusiasmo di prima, faccio fatica. A lei non lo dico naturalmente ma lei si accorgerà che le propongo molti meno spunti per approfondire e potenziare. La nostra parola d’ordine è imparare giocando ma non riesco a star dietro a tutto. Il lavoro, 2 figli,
    mio marito poco presente, genitori che hanno bisogno di aiuto…stavo pensando di trovare qualcuno che mi aiuti con Alice ma non sarà facile trovarla come dico io. Intanto grazie per aver condiviso i tuoi programmi perchè i libri li compriamo anche noi…era già in programma.Che schede usate per analisi verbi?

    Mi piace

  2. Complimenti Catia, per il colloquio e per il programma! Anche a Sofia piace molto storia, vado a vedere i titoli che stai ordinando. Noi viviamo sempre alla giornata … rincorrendo i programmi scolastici. 😦
    (ti ho scritto un’email per chiederti delle informazioni)

    Mi piace

  3. Quanti bei progetti!
    “Esplorando il corpo umano” è un sempre-verde molto carino, utile ed efficace! Anch’io non vedo l’ora di utilizzarlo in modo mirato, tra qualche anno.
    Il mio preferito, però, è quello di geografia…! Legare ogni regione ad un piatto tipico è grandiosa!
    Noi, nel nostro piccolo, quest’anno prepareremo un pranzetto a tema per ogni stagione, oltre alla tradizionale torta che già realizziamo da anni.

    Mi piace

  4. Giorgia hai tutta la mia comprensione e il mio sostegno psicologico. Non è per niente facile star dietro a tutto, si è stanche fisicamente e mentalmente e in più si ha sempre la sensazione di aver tralasciato qualcosa.
    Io ho rinunciato a tante richieste di corsi di yoga da fare nelle ore pomeridiane e serali per sostenere Matilde nella scuola ma non solo.
    I sacrifici sono tanti, anche dal punto di vista economico ( quanti viaggi mi sarebbe piaciuto fare ma non ci sono i soldi!!! Roma però non ce la toglie nessuno!) ma so la mia presenza, almeno per il momento è importante per Matilde e li faccio volentieri.
    Per quanto riguarda l’analisi dei verbi prova a guardare questo post.
    https://ascuolaconmatilde.com/2012/09/06/verbi-crocettati/
    C’è il link ad un pdf.
    Poi fammi sapere cosa ne pensi!
    Un abbraccio

    Mi piace

  5. Sono molto belli i tuoi progetti, trarrò ispirazione. Per ora abbiamo iniziato a leggere alcuni miti dell’antica Grecia, il mio bambino ne è appassionato e proprio stamane mentre lui raccontava il mito del Minotauro ad un insegnante ( non suo, per fortuna) questi gli ha risposto che la sua storia era sbagliata, ebbene Andrea questa sera è andato a rivedersi il testo e ha detto: “Ho ragione io mamma”, una bella soddisfazione.

    Mi piace

  6. I libri di Terry Deary sono straordinari. In inglese (e probabilmente in italiano) trovate veramente tantissimo materiale che uso anch’io in classe. Sulla falsa riga, trovate anche Horrible Science (libri, giochi etc) che in italiano dovrebbero essere tradotti come “brutte scienze” (credo sia una collana della Salani).
    Se poi volete “osare” potete guardare i DVD delle Horrible Histories: brevi sketches umoristici molto ben fatti che parlano di fatti storici in modo accattivante. Ai miei studenti di solito piacciono (soprattutto le Savage Songs!), ma l’inglese non è certo semplicissimo.
    Su youtube ci sono alcuni sketches e alcune canzoni tratti dai DVD.
    Un abbraccio,
    Monica

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...