“Il venerdì del libro” raddoppia

Io adoro l’iniziativa di Homemademamma, però ha un difetto: i venerdì sono pochi e i libri da condividere sono tanti.
Ho pensato allora, a partire da questo appuntamento, di proporre due libri a settimana.
Uno per i lettori adulti e uno per i bambini/ragazzi.
Spero di farvi cosa gradita.
Ma non perdiamo altro tempo…
Prima delle vacanze di Natale ho prestato alla mia amica Lory il libro “Proust e il calamaro” di Maryanne Wolf.
Quando poi me l’ha restituito le ho chiesto “Dai! Fammi una recensione per “Il Venerdì del libro!”.
“No, no, no ” è stata la sua prima risposta. Ma poi per fortuna ha cambiato idea.
Allora sono felicissima di farvi leggere la sua recensione di questo testo, non facile, parecchio tecnico ma che merita davvero.

IMG_8844

Mi ha incuriosito il titolo.
Cosa ha in comune un calamaro con Proust o con un uomo?
All’apparenza sembra nulla invece non tutti sanno che il calamaro gigante è dotato di un neurone sul quale sono stati fatti i primi studi di neurofisiologia.
Ho cominciato a leggere; per prima cosa sappiate che bisogna avere tempo, pazienza e predisporsi ad incontrare una terminologia specifica e tecnica, ma vale lo sforzo.
Il libro si apre con la storia dell’uomo, dell’ alfabeto e della scrittura; per poi accompagnarci in una sintesi di ricerche scientifiche ed umanistiche sul cervello e su come il cervello umano legge o non legge.
Sapevate per esempio che Socrate (dico Socrate) era contrario all’uso dei testi scritti poiché aveva paura che cadessero in mano ad individui non preparati a leggerne i contenuti? La contesa tra Socrate e Platone verteva anche sull’uso della scrittura e sulla sua diffusione.
Nella nostra era così tecnologica l’autrice sente un po’ come Socrate…
Addentrandosi, il libro propone una parte più biologica sul nostro cervello, le aree deputate alla visione, alla associazione, ed al meccanismo della lettura vera e propria. Infine si parla anche della dislessia, questo disturbo per me così misterioso ma che va certamente studiato.
Adoro questo tipo di libri, forse un po’ difficili… ma pensate l’uomo che studia se stesso fin dove è arrivato! Un libro che parla dei meccanismi intricati della lettura portando ad ogni affermazione studi scientifici durati anni di ricerche e di sforzi.
Spero di aver solleticato abbastanza curiosità ma vi assicuro nel libro c’è molto di più, spunti e riflessioni per tutti… alla faccia di Socrate!
Buona lettura
Lory

Il libro per ragazzi di questa settimana è “Tre amici in fuga” di Vanna Cercenà.

IMG_8843

Esther, ebrea e Amir, musulmano vivono a Granada. Siamo nell’anno 1492 ed è l’anno in cui Isabella di Castiglia e Ferdinando di Aragona, i re cattolici fanno il loro ingresso trionfanti in città.
Da quel momento la vita per ebrei e cattolici cambierà radicalmente. Essi hanno solo due possibilità: convertirsi o fuggire dalla Spagna.
Le famiglie di Esther e Amir, profondamente diverse per religione e cultura, decidono di intraprendere insieme un viaggio che dovrebbe portarli fino ad Algeri, per cominciare una nuova vita.
Durante il viaggio in mare i due bambini, diventati amici, incontrano Nino, un mozzo, cristiano.
La nave verrà attaccata dai pirati. I tre bambini riescono a sfuggire alla cattura grazie a Nino che conosce tutti i nascondigli della nave, mentre i genitori di Esther e Amir vengono fatti prigionieri dei pirati.
Per i tre bambini inizierà una serie di avventure incredibili, tra mendicanti-poeti e traversate nel deserto in groppa a dromedari.
Un libro scritto molto bene.
Vanna Cercenà è una delle più importanti autrici di letteratura per ragazzi e per i suoi romanzi, accessibili ad un pubblico molto vasto, ha ottenuto numerosi premi.
Credo che il tema fondamentale sia quello della diversità.
Una diversità che si annulla di fronte alle esigenze comuni.
Le famiglie di Esther e Amir si aiutano per affrontare un viaggio verso la speranza.
Durante il viaggio le differenze religiose, culturali e di stili di vita si fanno evidenti, ma il rispetto reciproco permette la convivenza, senza dubbio.
Ci ha particolarmente colpito l’episodio in cui la famiglia di Esther avendo concluso per prima la benedizione serale, prima di iniziare a consumare la cena, aspetta, in rispettoso silenzio che anche l’altra famiglia abbia terminato la preghiera.
Quando i ragazzi, separati dalle loro famiglie, si troveranno ad affrontare anche situazioni pericolose si rendono conto che solo stando uniti potranno riuscire a cavarsela e…. trovare ciascuno la propria strada. Tre amici, tre storie, tre mondi lontani ma incredibilmente vicini.

Tre amici in fuga
Vanna Cercenà
Lapis Edizioni

Annunci

14 pensieri riguardo ““Il venerdì del libro” raddoppia

  1. Approposito di libri… Ieri mi sono letteralmente persa in Biblioteca. Dovevo scegliere dei libri per bambini piccoli per una lettura pubblica. Che meraviglia!!!
    La Biblioteca è un luogo di magia: mi piace tutto: l’atmosfera, l’odore, i rumori soffusi, il fruscio delle pagine…
    Si, mi piace questa tua idea di raddoppiare il venerdì del libro…
    Un bacio
    Francesca

    Mi piace

  2. Il libro ambientato nel 1492 e per di più sull’amicizia tra ragazzi di diverse culture in una classe come la mia, con musulmani, sarebbe stato bellissimo da leggere, lo annoto come libro per l’estate!

    Mi piace

  3. sono nonna Mariuccia, complimenti a Lory per il commento al libro anche se da quel che ho capito non è stata una lettura semplice.
    Io leggo tanto e di tutto. Catia appena puoi prestameli
    ciao a tutti da nonna Mariuccia

    Mi piace

  4. La lettura è adatta ai ragazzi a agli adulti in quanto l’autrice ha un approccio alla scrittura molto espressivo e semplice.
    Direi che è proprio per tutti.

    Mi piace

  5. Sono contenta che l’idea ti piaccia e per quanto riguarda la biblioteca vorrei proporre a Matilde un appuntamento semifisso, ma ahimè ha sempre così tanto da studiare…. non voglio pensare da l’anno prossimo alle medie! Ma davvero non si riuscirà più a fare nulla!?!?!?!?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...