L’atmosfera di questa Pasqua

Da venerdì siamo in collina.
L’atmosfera è grigia e umida.
Certo anche questo tempo ha il suo fascino.
Ho sempre voglia di uscire e catturare immagini di questi luoghi che amo così tanto…

IMG_0438-1

IMG_0327-1

IMG_0441-1

IMG_0431-1

IMG_0497-1

In queste “avventure” fotografiche purtroppo, non posso più godere della compagnia di Matilde. Sta crescendo e sta cambiando. Le passeggiate fatte solo per il gusto di passeggiare e osservare non le piacciono più. Così come del resto ha cambiato o affinato forse i suoi gusti in termini di lavoretti fatti insieme per esempio. La domanda sorge spontanea a me che sono parecchio macchinosa nei miei pensieri e che mi metto subito in discussione: “Sono io che non riesco più a propormi a lei? Che non riesco ad adeguarmi a quelli che sono inevitabili cambiamenti? E allora che fare? Rispettare questi cambiamenti o in qualche caso insistere ancora nel proporle qualcosa di fatto insieme che non sia giocare con wii o guardare un film insieme?” Non lo so sono particolarmente confusa e la confusione mentale si ripercuote inevitabilmente sul fisico ( la notte tra sabato e domenica non ho chiuso occhio e ho avuto tachicardia e un malessere generale).

Nella giornata di Pasqua il tempo ci ha regalato qualche momento di sole e di nuvole candide come piacciono a me anche se… cielo a pecorelle acqua a catinelle, si dice vero?

IMG_0479-1

E infatti prima di sera…

IMG_0539-1

Però sono riuscita a godermi una passeggiata romantica con Luca a caccia di verde e di fiori…

IMG_0520-1

IMG_0493-1

IMG_0511-1

IMG_0531-1

IMG_0534-1

Domani mattina torniamo a Milano e ci dedicheremo allo studio delle mappe sui romani in vista del rientro a scuola giovedì.
Buon proseguimento di vacanze a tutti voi!

IMG_0472-b

Annunci

8 pensieri riguardo “L’atmosfera di questa Pasqua

  1. Ciao Catia, buona Pasqua!
    Non preoccuparti troppo, il comportamento di Matilde é assolutamente normale, anche i miei ragazzi un po’ alla volta hanno iniziato ad avere meno interesse per le passeggiate, allora é un buon momento per cercare di scoprire altri momenti di condivisione: cucinare insieme, discutere della politica, o altro… Nulla rimane sempre uguale, e proprio grazie a questa consapevolezza dobbiamo riuscire a goderci il presente. 🙂 un abbraccio e buona settimana

    Mi piace

  2. Ciao Catia, spero che il problema legato all’estrazione dei denti di Matilde stia passando.
    E sì, tutti questi cambiamenti sono normali…non ci resta che accompagnarli e capire quali possono essere i nuovi interessi comuni.
    Un abbraccio!

    Mi piace

  3. E’ vero, ma devo essere sincera faccio un po’ di fatica a capire quali possano essere questi nuovi interessi comuni. La vedo sempre più dirigersi verso attività che non mi sono congeniali o nelle quali non sono “competente” e il nostro stare insieme diventa qualitativamente diverso ai miei occhi. Ma forse a Matilde è sufficiente condividere indipendentemente dal cosa stiamo condividendo.
    Crescerò anche io in questo senso. Ma non è facile!
    P.S. Siamo tornati a casa e adesso sarà più facile per Matilde riprendere la corrispondenza con Layla. Nel frattempo mi ha pregato di ringraziarla per gli auguri di Pasqua che le ha inviato.

    Mi piace

  4. 10 anni sono un età strana.
    Grandi per alcune cose, tipo i lavoretti creativi e piccoli per altre. Non è facile districarsi in tutto questo questo.
    Cosa facevi con i tuoi ragazzi quando avevano l’età di Matilde, homeschooling a parte che comunque credo occupasse gran parte del vostro stare insieme?

    Mi piace

  5. sí infatti, facevamo tanti lavoretti e altro – come le scoperte all’aria aperta – all’interno dell’homeschooling, il “distacco” del tipo descritto da te é avvenuto un po’ piú tardi (12 anni circa), ma si sa le femmine sono piú avanti. Da allora molte cose non le facciamo magari piú “insieme” ma “in parallelo”, ad esempio io disegno e allo stesso tavolo loro due fanno le loro cose (disegni, lavoretti-pasticci ecc.), e insieme ascoltiamo un audiobook che piace a tutti e tre. È sempre ancora una bella atmosfera che sa di “condivisione” appunto, anche se non facciamo le cose “insieme” come una volta. Un altro esempio é sfogliare insieme giornali, riviste o libri e commentare insieme articoli o immagini.
    Peró non é che sono io a dire: Vieni qui che insieme…- Succede invece che loro mi vedono presa a disegnare o leggere, e allora incuriositi viene voglia anche a loro di vedere cosa faccio, o di partecipare, o di fare una cosa simile. Dare l’esempio “di provare piacere in una cosa che si fa” credo sia molto attraente: vedere una persona che fa qualcosa con passione non é solo bello ma sveglia anche la voglia di provare noi stessi. Secondo me é una delle interpretazioni possibili dell’ “ambiente preparato” in senso montessoriano per l’eta over10, questo metodo di “invito senza parole” che si esprime attraverso l’azione personale come esempio.

    Mi piace

  6. Tranquilla, non crucciarti.
    Crescono e noi dobbiamo crescere con loro. Cambiano i gusti, cambiano gli interessi e più vanno avanti meno faranno cose insieme a noi e più faranno cose da soli! Come dice bene Sybille si può essere insieme senza “fare” insieme… Questo significa crescere!
    Che belle foto che hai fatto: posti stupendi e stupendo marito (finalmente lo vediamo bene!!!).
    Un bacio
    Francesca

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...