Sul mio comodino

Vorrei avere molto più tempo a disposizione per leggere.
Ormai riesco solo di sera prima di addormentarmi. Ma ahimè, la stanchezza sopraggiunge molto presto e dopo qualche pagina il libro mi cade sul naso. Molte sono le sere in cui il libro non riesco nemmeno a prenderlo in mano.
Spero molto nelle vacanze estive.
Ma i libri non mancano.
Acquistati, regalati o prestati questi preziosi parallelepipedi sono numerosi e in tutte le stanze.
Questa settimana, per l’appuntamento con “Il venerdì del libro” di Homemademamma, vorrei parlarvi di due libri che in realtà non ho ancora letto. “E allora che recensione potrai mai fare?” mi chiederete.
Non sarà una recensione infatti, solo una piccola presentazione.
Ecco i libri …

IMG_1271

Il primo è “L’arte della felicità in un mondo di crisi” di Sua Santità il Dalai Lama scritto con lo psichiatra americano Howard C. Cutler.
Me lo ha regalato Luca per la festa della mamma e devo dire che è stato il regalo giusto al momento giusto…
… poichè la natura dell’uomo è essenzialmente buona, se egli coltiverà le sue doti innate potrà realizzare se stesso e, quindi, essere felice. Secondo la concezione buddhista, infatti, la felicità è un arte e, come tale, richiede pratica ed esercizio, al pari di qualsiasi altra competenza e abilità umana. Allenando la mente a individuare le cause dell’ansia e dell’insoddisfazione, abituandoci a riconoscere, nelll’incontro con gli altri, le affinità piuttosto che le differenze, alimentando emozioni positive quali la compassione e l’empatia anzichè la paura e la diffidenza, troveremo la strada maestra per raggiungere una maggiore felicità.

IMG_1276

Dalai Lama
L’arte della felicità in un mondo di crisi
con Howard C. Cutler
Mondadori

Il secondo libro è “Il grande viaggio” di Giuseppe Cederna. Questo libro mi è stato prestato da un mia allieva che mi ha detto: “Leggilo! Sono sicura che ti piacerà!”.
Giuseppe Cederna è un attore di cinema e di teatro. Collabora con riviste e giornali scrivendo storie di viaggio, dal Mediterraneo all’Himalaya, dall’Africa alla Valtellina. Questo è il suo primo libro.

IMG_1277

Nel novembre del 1999, Giuseppe Cederna, parte, con alcuni amici, per il Nord Ovest dell’India, ( gli Hills Himalayani), meta di un pellegrinaggio hindu, ancora vivissimo, verso le sorgenti del fiume sacro per eccellenza, il Gange.
Guidato, come in ogni viaggio di iniziazione da una serie di coincidenze ( un generoso interferire di letture, di mappe, personaggi letterari e persone in carne e ossa, memorie e sogni) percorre in auto e a piedi la via delle Sorgenti e delle Confluenze.
E, al ritorno a Delhi, ha un appuntamento con l’amica Paola: lei non l’ha seguito, ma, alla fine del suo viaggio parallelo in Kosovo, sarà là ad aspettarlo. Questi i patti, questa l’attesa. Questa è la premessa di un dolore.

Giuseppe Cederna
Il grande viaggio
Feltrinelli

Un libro regalato e un libro prestato. Ciò che ho scritto è esattamente ciò che ho letto finora. Io sono già curiosa. E voi? Spero solo che la curiosità riesca a vincere il sonno!

Untitled-1

Annunci

7 thoughts on “Sul mio comodino

  1. I viaggi e i libri in fondo si assomigliano. Il desiderio di iniziarli, l’immersione totale dei nostri sentimenti nelle parole, nei luoghi e nelle persone, la voglia di arrivare alla fine/meta e nello stesso tempo il dispiacere di terminare un percorso. Sono entrambi fondamentali nella nostra vita. Un libro che parla di un viaggio (e soprattutto di un viaggio veramente tale: dentro se stessi e in luoghi sconosciuti) è proprio qualcosa di speciale. Buona lettura

    Mi piace

  2. Il primo sono sicura sia bellissimo, ne ho altri suoi e anche se magari vanno spizzicati, una paginetta ogni tanto, sono sempre molto rassernanti. Il secondo lo conosco di fama ed è nella mia lista dei desideri, ma come te ho sempre meno tempo per leggere…. ciao!

    Mi piace

  3. Anche io ultimamente ho poco tempo per leggere… riesco a ritagliarmi qualche momento quando aspetto i bimbi dalla loro ora in piscina ma non mi basta… Di sera sono tanto stanca… e non ce la faccio a mettermi a leggere. Pensa che ieri sera mi sono addormentata con i bimbi alle 21.00 in punto… Ed ho dormito come un ghiro fino a stamattina quando mio marito ha fatto suonare la sveglia alle 6.30 (per poi alzarsi alle 7). Mi auguro che arrivi anche il bel tempo: di solito con le belle giornate all’aria aperta tutto cambia, anche l’umore e la “grinta” giornaliera… non vedo l’ora di godermi un po’ di primavera ma… dov’è? Bho!!!

    Mi piace

  4. Arriverà immediatamente l’estate ormai. E con l’estate e le vacanze i tempi si dilatano e chissà forse troveremo tempo per leggere un po’ di più. Almeno lo spero, perchè ne ho tanta voglia e tanti libri che mi aspettano.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...