Un perfetto equilibrio

Circa un mese fa ho avuto uno scambio di mail con una persona che non si capacitava all’idea della compatibilità tra la religione cristiana e la pratica dello yoga.
Questo è sicuramente un argomento tanto interessante quanto dibattuto e discusso.
La mia è un’esperienza di perfetto equilibrio tra questi due aspetti della mia vita che mi aiutano ogni giorno a percorrere un cammino di evoluzione personale e spirituale.
Alla fine mi sento di ringraziare la persona con cui ho avuto questo scambio di opinioni perchè mi ha permesso di tracciare in modo più preciso il mio percorso, nel senso che sento di doverlo indirizzare verso una maggiore conoscenza e un maggior approfondimento sia del mio essere cristiana che del mio essere una yogini.
Rispetto all’argomento del rapporto tra lo yoga e religione, in particolare tra yoga e cristianesimo volevo condividere dei passaggi di un libriccino che ho acquistato recentemente:

IMG_8675

” Lo yoga non è una religione, ma è un metodo permeato di spirito religioso”.

” Al giorno d’oggi molti cristiani, compresi molti ecclesiastici, praticano lo yoga. A ciò si contrappone l’ostilità di altri rappresentanti religiosi, soprattutto fra quelli di età più avanzata, che dichiarano lo yoga incompatibile con la fede cristiana, arrivando a considerarlo una pratica pagana, in certi casi addirittura demoniaca.
Bisogna ricordare che ciò che oggi è chiamato yoga è una confluenza di diverse tradizioni.
Effettivamente , se si accettano rigidamente alcuni principi della tradizione indiana, particolarmente dell’epoca vedica, che sono stati integrati in varie scuole di yoga, esso è incompatibile con il Cristianesimo.
Tuttavia molti autori, fra cui vari ecclesiatici, hanno dichiarato di aver trovato nello yoga uno straordinario aiuto a vivere la loro fede cristiana. Si può ricordare significativamente il libro intitolato yoga per i cristiani scritto da un sacerdote cattolico ( qui una sua intervista).
E’ evidente che la ricerca dell’autosalvazione e dell’autosufficienza in campo spirituale proposta dall’induismo non è
compatibile con il Cristianesimo, ma questo non significa che un cristiano, rimanendo nell’ortodossia, non possa cercare anche mezzi umani per il suo perfezionamento.
Del resto anche il Cristianesimo afferma che la salvezza spirituale è venuta dal sacrificio di Cristo, ma deve essere accettata dall’uomo, che deve corrispondervi nella propria vita.
Lo yoga può essere un aiuto inestimabile in questo senso, accompagnato dalla fiducia nel divino.
Similmente non è necessario cessare di considerare Dio come persona e accettare l’idea panteistica tipica del pensiero orientale per praticare, e non si arriva a nessuna forma di sincretismo se si usano certi mantra e certe rappresentazioni sacre indiane per il loro valore simbolico, senza intenzione di invocare effettivamente una divinità diversa da quella in cui crediamo.
Bisogna riconoscere comunque che certe pratiche di questo genere possono essere fuorvianti per persone impreparate e che certi guru le trasmettono effettivamente come pratiche induiste.
In sostanza i maggiori contrasti sembrano derivare da malintesi: malintesi da parte degli insegnanti che trasmettono uno yoga rimescolato con un’ideologia religiosa, malintesi da parte degli ecclesiastici che non distinguono le due cose e malintesi sul Cristianesimo da parte dei cristiani.

“Naturalmente tra le tradizioni induiste e il cristianesimo esistono numerose differenze dogmatiche, ma se un cristiano rinunciasse allo yoga per paura di essere influenzato da esse dimostrerebbe in sostanza di non essere molto saldo nella sua fede.”

” Non si può fare altro che ribadire ai cristiani la proposta di approfondire la conoscenza dello yoga, che non è un’ideologia, ma un metodo pratico, mentre parallelamente si continuano le pratiche religiose e si studiano le tradizioni cristiane per trovarvi le verità della rivelazione divina.”

Direi che quest’ultimo passaggio racchiude tutto il mio pensiero.
Questa è la strada che sento di dover percorrere, perchè mi sta donando un perfetto equilibrio.

Alberto Stipo
Yoga ieri e oggi – Tra Oriente e Occidente
Magnanelli

Annunci

2 thoughts on “Un perfetto equilibrio

  1. E’ un tema profondo, interessante e complesso.
    Per quel che mi riguarda, come ben sai, è stato lo yoga a riportarmi vicina al cristianesimo.
    Anch’io a volte sono presa da dubbi… magari un giorno te ne parlerò in una mail privata!
    Penso comunque che il percorso dello yoga sia personale e interiore, e che sia un valido aiuto nel proseguire nella propria fede. Come dire: lo yoga è uno strumento, una tecnica, poi sta a noi utilizzarla bene per accrescere la nostra fede.
    Un caro abbraccio!!

    Mi piace

  2. Se si pensasse di più in termini di spiritualità invece di religione forse il problema non sussisterebbe. Lo yoga è un percorso spirituale che ha come obiettivo l’illuminazione, il ricongiungimento con la nostra Anima Superiore, non va in contrasto con nessuna fede, filosofia o cultura, neppure con il Cristianesimo. Grazie della tua condivisione e buona giornata

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...