Prendere il volo…

Ho cominciato a praticare yoga nell’autunno del 1996.
La mia prima lezione è ancora impressa nella mia mente come se l’avessi vissuta ieri.
Ho arrancato faticosamente dietro alle posture di Surya Namaskara, ho sudato sette camicie per tenere tre secondi Vriksasana e alla fine di Yoga Nidra mi girava da morire la testa.
Dirvi che stavo bene bene non posso, ma sentivo che qualcosa si era mosso e così non ho mollato. Ed è dal 1996 che seguendo corsi, praticando da sola e studiando sto crescendo con lo yoga.
Tuttavia alcuni asana ancora non sono miei. Alcuni perchè sento che non mi appartengono e altri (verso i quali ho una profonda “attrazione”) perchè evidentemente non sono ancora pronta.
Ma qualcosa negli ultimi giorni è cambiato.
Ho visto per la prima volta Bakasana, la posizione del corvo, proprio all’inizio del mio percorso yogico su questo libro…

IMG_8804

Questo testo mi ha aiutato a dare un nome alle posizioni, a capire come dovevo procedere rispetto all’approccio delle stesse, mi aiutato a creare uno “schema” di lezione durante i miei periodi da autodidatta.
Quando ho visto questa fotografia, sono rimasta affascinata ma al tempo stesso mi sono detta: “Non ce la farò mai!”.

IMG_8806

Rappresentava l’equilibrio perfetto, un perfetto bilanciamento tra la testa con le spalle e bacino e gambe. Rappresentava la forza delle braccia e poi mi immaginavo gli addominali della signorina della fotografia contratti per sostenere il tutto.
Rappresentava ( e rappresenta)il perfetto connubio tra forza e concentrazione.
Per molto tempo, convinta della mia incapacità ad affrontarla non l’ho più considerata fino a quando qualche anno fa mi sono invece convinta che dovevo fare dei tentativi.
Sono caduta innumerevoli volte con il naso sul pavimento, mi sembrava di non riuscire a tirare su il sedere che mi sembrava pesantissimo e le braccia non reggevano proprio. Ogni volta mi scontravo con i miei limiti e non è sempre stato facile accettarli.
Poi ho capito.
Cadevo perchè avevo paura di cadere, le braccia non reggevano non perchè erano deboli ma perchè le estremità cioè le mani non erano consapevoli del compito che dovevano svolgere e non ne percepivo il contatto pieno, di tutta la loro superficie con il tappetino. Il sedere non è mai stato pesante. Erano i miei addominali che non facevano la loro parte.
La differenza stava nella mente.
Come sempre.
Ed ecco il mio bakasana…

IMG_8801

E’ ancora da aggiustare e lo tengo forse per meno di cinque secondi, ma in quei pochi secondi sono tutta lì, corpo e mente e percepisco tutto…
Una conquista più mentale che fisica.
Mi sembra davvero di prendere il volo…

Annunci

15 pensieri riguardo “Prendere il volo…

  1. Caspita, che progressi allora! Io questa non l’ho mai provata… Invece mi stupisce sempre (e mi spaventa!) proprio la posizione della copertina del tuo libro (non so come si chiami)!
    E’ bello sapere di percorsi come il tuo, dal 1996, con costanza e soprattutto consapevolezza di se stessi!

    Mi piace

  2. L’asana della copertina del libro si chiama Eka Pada Raja Kapotasana, la posizione del piccione reale.
    Non ci crederai ma sto lavorando anche su quella. Mi affascina l’apertura del torace e queste braccia rivolte verso l’alto, come lo sguardo rivolto all’indietro. In questa posizione io leggo questo messaggio: ” Mi apro al mondo senza riserve, fidandomi completamente.” Forse non sono ancora riuscita a viverla perchè sono presenti in me ancora troppi blocchi mentali.
    Un bacio

    Mi piace

  3. Caspita, io ho provato a entrare in questa posizione del piccione reale e la prima volta son rimasta dritta come un’asse, la seconda mi son presa una fitta alla schiena. Io dicerto ho un super blocco…!! Ci dovró lavorare su mooooooolto tempo anche solo per capire come si entra…

    Mi piace

  4. Io ci sto lavorando nel senso che nella mia pratica quotidiana ho inserito delle sequenze e posture per favorire la mobilitazione delle anche ( mio punto molto debole) e poi sto studiando con attenzione alcuni video del sito yogare.eu a cui mi sono registrata in cui presentano alcune posizioni di preparazione e come si entra nell’asana.

    Mi piace

  5. l’ho notato proprio ieri quel sito, dato che c’è un insegnante che conosco, ho giusto pensato che se avessi tempo lo guarderei per la pratica a casa.. e magari lo farò. Grazie per le dritte! Un abbraccio!!

    Mi piace

  6. Sai che invece io volevo farmi regalare l’abbonamento per il mio compleanno il mese prossimo?
    Come ti sembra come rivista?
    A me piace. Ogni tanto mi faccio le sequenze che vengono proposte e poi ci sono tanti articoli interessanti sulla filosofia, sui luoghi dello yoga…

    Mi piace

  7. Ho fatto l’abbonamento per diversi anni, è di certo interessante (e un po’ mi manca!) però mi sembrava spesso troppo “pubblicitaria” e per ora mi ha un po’ stancato. Però l’ultimo numero l’ho comprato ieri!! 🙂
    Viceversa, avevo provato a prendere un’altra rivista di yoga che mi sembra si chiami solo “yoga”… pessima!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...