Una donna davvero straordinaria

Una donna, ma prima ancora una bambina, un’adolescente, una giovane donna, con un dono.
Vedere il mondo come nessuno è in grado di fare.
Lei si! I bambini e gli adulti autistici si!
Sto leggendo “La macchina degli abbracci” di Temple Grandin…

la macchina degli abbracci

Temple Grandin è una persona illustre. Docente universitaria, diagnosticata autistica da bambina, Temple ha da subito capito di avere affinità con gli animali.
In vacanza nel ranch della zia, aveva notato che le mucche si calmavano quando venivano messe in una gabbia di contenimento.
Lei, agitata e spesso spaventata dalla gente, dalle voci e dai suoni aveva pensato che una macchina simile avrebbe potuto calmare anche lei. E così la costruì. Funzionò perfettamente.
Tale affinità che lei sentiva di avere con gli animali la portò a studiarli il più possibile traendone serenità e felicità.
Diventò ed è tuttora un’ esperta del comportamento animale. Le sue intuizioni e le sue scoperte hanno contribuito a modificare il modo di trattare gli animali stessi.
A lei si devono meravigliosi progetti riguardanti gli allevamenti negli Stati Uniti, progetti in grado di diminuire il livello di stress delle bestie condotte al macello.
Qualche mese fa ho visto il film per la TV ” Temple Grandin – Una donna straordinaria” e ciò che mi aveva immediatamente colpito di questa donna era stata la sua incredibile capacità di pensare per immagini.
In una delle prime scene, Temple e la zia arrivano al ranch e si trovano davanti ad un cancello di legno chiuso. Temple scende per aprirlo e nella frazione di un secondo “vede” nella sua mente il modo per costruirlo permettendogli di rimanere aperto il tempo necessario per fa passare i veicoli.
Vede disegni, misure, gradi, percentuali e il tutto senza un errore. Lei sa già che questo marchingegno funzionerà.

In questo libro in particolare Temple si sofferma sullo studio del comportamento animale, sul come gli animali percepiscono il mondo, sul cosa può causare la loro aggressività, sul come pensano gli animali, e sul genio animale.
Un libro scritto in prima persona, con un linguaggio semplice.
Un libro per saperne di più non soltanto sugli animali ma anche sul mondo dell’autismo.

Vi lascio con il video della scena finale del film “Temple Grandin – Una donna straordinaria” ( interpretata da una bravissima Claire Danes).

Temple Grandin
La macchina degli abbracci
Edizioni Adelphi

Con questo post partecipiamo all’iniziativa “Il venerdì del libro” di Homemademamma.

Buon fine settimana amici. Noi siamo in partenza per la collina. Festeggeremo una ricorrenza molto speciale.
A lunedì!!!!

Advertisements

16 thoughts on “Una donna davvero straordinaria

  1. No, non volevo farti piangere!
    Però è vero. E’ commovente e molto forte.
    A mio avviso sono bellissime le inquadrature del viso della madre. Dapprima esprime paura e preoccupazione per ciò che Temple potrebbe dire. Poi piange ma non sono lacrime di tristezza bensì esprimono una commozione felice e orgoglio per questa figlia che ha saputo trasformare una difficoltà in un dono e in grandi opportunità.

    Mi piace

  2. Infatti, io non ho visto l’intero film, ovviamente, ma da quegli sguardi ho capito che quella era sua madre… figurati, piangevo ancora di più!
    Grazie Catia, i tuoi spunti sono sempre un arricchimento per me! buon week end in collina!

    Mi piace

  3. Il video lo guarderò dopo con calma, il libro mi interessa molto per più motivi. Grazie del suggerimento di lettura, già dal titolo ho capito che doveva essere molto interessante.

    Mi piace

  4. GRAZIE. Da tanto tempo non mi prendevo un pugno così grande e bello nella pancia.
    Nella mia vita c’è il mio piccolo E.
    8 anni. Una mamma meravigliosa.
    Alto, magro, capelli biondi, grandi occhi azzurri.
    Corre e si arrampica.
    Vive in campagna, sull’appennino marchigiano-romagnolo, in mezzo a campi e prati ed il mare non è lontano e lui adora il mare.
    Ci sono gatti, galline , cani.Libri e musica.Zie, zii, nonni meravigliosi, le cugine della mamma.
    E. è un bimbo down.
    E. è autistico. Non ha mai detto mamma. Credo che mi taglierei un braccio perchè la sua mamma potesse sentirselo dire.
    Grazie per il pianto liberatorio . Emanuela

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...