Il film del prossimo venerdì

1000129_531424083571811_482209878_n

Sono ormai mesi che propongo a Matilde di guardare insieme “L’estate di Kikujiro” del grande Takeshi Kitano.
Ma, un po’ perchè non c’è tempo e un po’ perchè in questo periodo c’è una grande inflazione di film di super eroi , non ci siamo ancora riusciti.
Ci riproverò per il prossimo venerdì, serata che di solito dedichiamo alla visione di un film tutti insieme ( mentre il sabato, salvo imprevisti, giochiamo a D&D).
” L’estate di Kikujiro” non è propriamente un film per ragazzi, ma credo che lei sia pronta per vederlo e per rifletterci un po’ sopra.

Un ragazzino con un paio di buffe alucce bianche sullo zaino finisce la scuola.
I suoi compagni partono per le vacanze con in genitori e lui, il piccolo Masao che ha la mamma che lavora lontano rimane a casa, con la nonna.
Le vacanze in città sono noiose senza nemmeno poter più giocare a calcio e allora il piccolo Masao decide di partire per andare a trovare la mamma.
Un uomo un po’ strano e indolente (un Takeshi Kitano che ritorna al manzai il suo primo amore recitativo, in cui interpretava la figura del boke, un po lo “scemo” del villaggio, ma contaminandolo con una spruzzata di Buster Keaton e un umorismo malinconico da Pierrot) gli verrà messo alle calcagna da una vicina di casa (la moglie dell’uomo) perche’ lo accompagni.
Da questo spunto minimalista Kitano confeziona un piccolo capolavoro di poesia.
Il viaggio della strana coppia sarà complicato, assurdo e pieno di sorprese, alcune belle, alcune brutte, alcune semplicemente che avvengono perche’ la vita le mette sulla strada dei protagonisti. Tutte faranno crescere il piccolo Masao e scalfiranno il disilluso cuore di Kikujiro (il nome del personaggio interpretato da Kitano, e per inciso, il nome del padre del regista) che cercherà in tutti i modi di preservare l’innocenza del bambino dagli aspetti meno piacevoli del dover crescere.
A rendere ancora più splendido il film sono le note della colonna sonora di Joe Hisaishi che attorno ad un tema musicale molto semplice costruisce a aggiunge poesia alle inquadrature semplici ma dirette e spesso iconoclaste di un film che merita di essere visto lentamente in una serata piovosa lasciandoci trasportare senza porci domande nell’assurdo mondo creato da Kitano.

Lestate-di-Kikujiro-02

Annunci

2 thoughts on “Il film del prossimo venerdì

  1. avete poi visto il film? Matilde è rimasta soddisfatta? Io e il nonno lunedì sera abbiamo visto un film divertente e a mio avviso con una morale
    “Un’impresa da Dio” Lo conoscevi?
    ciao nonna Mariuccia

    Mi piace

  2. Bel film sia per adulti che bambini, consigliatomi da un’amica, “Il cane giallo della Mongolia”. Metto in nota il tuo film per quando saranno un po’ più grandicelle. Ciao,ciao! Claudia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...