Living yoga

IMG_2489

Quando mi chiedono che tipo di yoga pratico io rispondo che il mio yoga è integrale e per essere più precisi si rispecchia nella tradizione di Swami Satyananda Saraswati .
Non nascondo il desiderio di riuscire un giorno a formarmi come insegnante secondo il suo metodo ( al momento la cosa mi è oggettivamente impossibile).
In che cosa consiste la tradizione Satyananda?
“Questa tradizione include i sistemi classici di hatha, raja, karma, bhakti, jnana, mantra, kriya, kundalini ed altre branche dello yoga basate sulle antiche tradizioni e filosofie del Samkhya, Vedanta e Sannyasa, ed è basata sulla saggezza tradizionale e sugli insegnamenti, che sono raffinati e rivalutati da un Maestro e precettore vivente per soddisfare le necessità attuali. È una tradizione vivente.”
Quello che mi ha colpito fin dall’inizio di questa tradizione è stato l’approccio graduale alla pratica e una grande attenzione alla partecipazione alla pratica stessa.
Ho imparato che l’asana è perfetto non quando è eseguito perfettamente, ma quando noi ci sentiamo perfettamente l’asana stesso.
E questo significa che tutto il nostro essere è lì, in piena consapevolezza.
Ma questa consapevolezza che pratichiamo durante le sedute di yoga (fisico) non è altro che una preparazione, nel senso che come mi capita di dire alle mie allieve: “Il vero yoga inizia quando scendiamo dal nostro tappetino e usciamo da questa sala”.
Riuscire a portare la nostra consapevolezza in ogni momento della nostra giornata, della nostra vita è il vero yoga.
Satyananda diceva ” Lo scopo dello yoga non è la sadhana ( pratica fisica), ma è eccellere in quello che stiamo facendo” dove eccellere non è inteso nel senso di raggiungere il successo o il consenso degli altri, ma di vivere pienamente ciò che stiamo facendo. Questo significa anche crescere spiritualmente.
Ecco perchè io dico che il mio yoga è integrale.
Il mio è lo yoga del corpo, è lo yoga del lavoro e la dedizione che cerco ( magari facendo fatica) di metterci mentre lo svolgo, è lo yoga della conoscenza, dello studio e dell’approfondimento, è lo yoga della devozione a Dio.
E tutto questo permea ogni momento, da quando apro gli occhi su un nuovo giorno fino a quando li chiudo accogliendo il riposo.

I miei momenti in questi giorni sono dediti alla cura di una figlia che dopo i bagordi di Scuola Natura si è presa l’influenza. Sciroppo per la tosse, antipiretico, latte e miele e tante coccole.

IMG_2502

IMG_2510

Il mio vivere lo yoga è alzarmi presto, ringraziare Dio per la notte tranquilla che ho passato e preparare con cura la colazione per Luca e il pranzo che si porterà in ufficio …
…è aspettare il risveglio di Matilde nella penombra di qualche lumino…

IMG_2491

… e poi, seguendo le indicazioni di Beatrice provare a fare un Cif naturale che ho sperimentato subito sui fornelli della cucina…

IMG_2500

Il mio vivere lo yoga è nel piccolo e a prima vista insignificante gesto di sistemare la frutta fresca acquistata ieri…

IMG_2504

… è nel ricordo dei visi dei miei ragazzi di catechismo pregustando ciò che domani farò con loro…

IMG_2495

… è nelle parole di un nuovo percorso che mi porterà, ne sono sicura, ad un piacevole e costruttivo scambio con una persona che ammiro e stimo molto…

IMG_2507

IMG_2508

Ancora … è provare a svolgere un’incombenza che di solito mi pesa tanto senza accendere la tv per una volta e gustare anche ciò che non mi piace…

IMG_2511

E’ arrivare alla sera e trovare accoglienza nelle braccia e nelle parole di mio marito.
E’ sentire il contatto delle dita sulla tastiera mentre scorrono per lasciare traccia di tutto questo.
Come vedete amici, tutto questo è unione, tutto questo è interezza, tutto questo è … living yoga.

Annunci

8 pensieri riguardo “Living yoga

  1. Mi piace questo approccio allo yoga con gradualità, e soprattutto il portare lo yoga nella vita quotidiana, che penso sia fondamentale.
    Anch’io quando stiro guardo qualcosa il tv altrimenti mi annoio. Oppure ascolto dal cellulare i discorsi video di Ananda 😀
    Un saluto alla raffreddata Matilde!

    Mi piace

  2. Ciao Daniela,
    il metodo Satyananda mi piace proprio per il suo approccio gentile e per questo è molto apprezzato anche dalle mie allieve.
    Non mancherò di salutare Matilde che si sta facendo un’altra settimana di “vacanza”.
    Un abbraccio

    Mi piace

  3. Buona guarigione a Matilde! Anche qui uno alla volta ci stiamo confrontando con influenze e raffreddori… prima o poi se ne uscirá vero? Anche questo é un modo per fare esercizio di pazienza… 😉

    Mi piace

  4. Grazie!
    Ci provo anche se non è sempre così immediato. Infatti ultimamente sono stata un po’ travolta dagli eventi e la mentalità yogica è venuta meno. Evidentemente ho ancora molta strada da fare nel mio percorso di crescita .

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...