Focus: le cose belle della settimana

Il post di oggi ha un tenore diverso rispetto a quello di venerdì scorso.
Il peggio è passato anche se rimane la preoccupazione di fondo per una situazione ormai diventata cronica.
In questi giorni ho puntato il mio focus sulle piccole grandi cose di tutti i giorni.
La mia vita è fortunatamente piena, nel bene e nel male.
E anche in quest’ultimo si possono cogliere e vivere delle sensazioni positive che ti ricaricano, come per esempio la consapevolezza di avere attorno a sè persone sulle quali poter contare nei momenti di bisogno e la sensazione, anche se solo per qualche istante, di essere tornata bambina mentre cercavo di rilassarmi nella mia ex cameretta durante le notti che ho passato dai miei genitori per aiutarli.
E se alziamo per un attimo lo sguardo, se ci guardiamo attentamente intorno, scopriamo una vita più che affascinante, una vita meravigliosa, fatta di piccoli gesti che ci fanno sorridere sinceramente e ci fanno commuovere.
Come qualche giorno fa mentre andavo a prendere Matilde a scuola.
Solitamente percorro i pochi km che separano casa nostra dalla scuola decisamente sopra pensiero. E anche l’altro giorno è stato così. Fino a quando la mia attenzione è stata catturata da una scena non dolce: molto ma molto di più.
Sul marciapiede c’era una coppia, marito e moglie. Anziani. Molto anziani. Entrambi con il bastone a sorreggere quelle fragili gambe.
Proprio mentre passavo davanti a loro si sono fermati, si sono guardati e si sono presi la mano sorridendo.
In quello sguardo, di chi sa che il percorso è quasi finito ho letto tanto amore, tanta speranza.
Ho cercato di immaginare quello che le loro menti, unite da chissà quanti anni di vita insieme, si sono silenziosamente comunicate:
“Non preoccuparti, ci sono io ad aiutarti”.
Mi sono commossa e gli occhi mi si sono riempiti di lacrime ( anche adesso che sto scrivendo) tanto che ho dovuto accostare con la macchina un attimo perchè non vedevo più la strada.
Quanta dolcezza, quanta fiducia reciproca e quanta fiducia nella vita, una vita che secondo me aveva donato loro davvero tanto.
E poi il giorno dopo arrivo a casa della mia allieva ( in queste settimane faccio lezioni a domicilio in attesa di riprendere l’attività in Polisportiva) che mi dice: ” Perchè non ci aiuti a capire come lo yoga ci può aiutare nella vita di tutti i giorni, a modificare i nostri atteggiamenti, noi che siamo sempre rigidi e severi con noi stessi e con gli altri?”.
Un’attestazione di stima, di fiducia nelle mie capacità di insegnante che mi ha fatto molto piacere.
Un’occasione di crescita come insegnante, come praticante, come persona.
E così abbiamo deciso di dedicare gli ultimi dieci minuti di ogni lezione a fare un po’ di teoria e allo scopo ho proposto di seguire come riferimento un libriccino al quale sono molto affezionata …

IMG_2570

Inizieremo proprio dal principio, cioè dai primi due degli otto gradini delineati da Patanjali nei suoi “Yoga Sutra”: yama e niyama.
Ecco sinteticamente quali sono le “norme” che Patanjali ritiene indispensabili per poter intrapredere e coltivare la nostra crescita spirituale:

YAMA – le astensioni
– Ahimsa: non violenza
– Satya: verità
– Asteya: non rubare
– Aparigraha: Non possesso, accontentarsi
– Brahmacharia: continenza

NIYAMA – le osservanze
– Saucha: pulizia
– Tapas: disciplina
– Santosha: accontentarsi
– Svadhyaia: lo studio di sè
– Ishavara Pranidana: l’abbandono alla divinità.

Inizia quindi un nuovo percorso e ne sono molto felice!
E ancora l’emozione di aggiornare il mio curriculum per una nuova esperienza di insegnamento che inizierò a breve.
E per ultimo ma non meno importante la decisione di Matilde, dopo settimane di tentennamenti, di continuare il suo percorso nel qwan-ki-do.
Ma si continua alla grande! Infatti i suoi istruttori le hanno proposto di passare con il gruppo dei grandi.
Un’occasione preziosa per imparare e crescere come praticante di arti marziali.
Sono molto felice per lei.

Cari amici,
è arrivato anche questo fine settimana.
Lo vorrei passare riposando, lavorando ai nostri progetti di homeschooling, accarezzando mentalmente i miei genitori, coccolando marito e figlia.
Ne abbiamo tutti bisogno!

A presto!!!!!

Questo post partecipa all’iniziativa “Il venerdì del libro” di Homemademamma

Advertisements

7 thoughts on “Focus: le cose belle della settimana

  1. questa è la terza volta che posto… speriamo anche l’ultima:-(

    mi sembrava di aver postato ma è sparito tutto all’improvviso…
    quindi mi limito a dire che questo post mi tocca da vicino ma non è questa la sede, se ne riparlerà:-)
    per ora grazie per averne parlato così… in modo distaccato ma intenso e profondo allo stesso tempo… un abbraccio

    ora devo uscire… speriamo funzioni…

    Mi piace

  2. …Stavo giusto pensando l’altro giorno, durante la lezione di yoga, che mi piacerebbe che si parlasse di yama e niyama! Magari vengo da te :DD
    ..e per un istante pensavo che scrivessi, di Matilde, che aveva preso la decisione di frequentare yoga!!
    Buon week end cara!

    Mi piace

  3. Di yama e niyama senz’altro ne parlerò sul blog riportando anche le riflessioni delle mie allieve.
    Per quanto riguarda Matilde e lo yoga la vedo dura anche se ho in mente alcune cose che potrebbero aiutarla anche nella sua pratica di qwan ki do. Non so se mi seguirà ma ci voglio provare.
    Buon fine settimana anche a voi!
    P.S. se sai di una domenica di yoga alla Guzzafame avvisami!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...