Detective vintage

Mercoledì sera abbiamo ci siamo gustati il DVD di “Signori, il delitto è servito”, film del 1985 e trasposizione cinematografica del famoso gioco da tavolo inglese “Cluedo”.
La vicenda è ambientata nel 1954.
Sei persone vengono invitate ad una cena in una inquietante e misteriosa villa del New England. Vengono ricevuti dal maggiordomo, Wadsworth, il quale ricorda loro che a ciascuno è stato assegnato uno pseudonimo per essere protetto dalla sua vera identità. Il settimo ospite, Mr. Boddy, arriva durante la cena. In cucina sono presenti la cuoca, la signora Ho, e una cameriera francese, Yvette. Dopo la cena, riuniti gli ospiti nello studio, Wadsworth rivela che sei di loro hanno in comune l’essere vittima di un ricatto da parte della stessa persona.

La sig.ra White è ricattata per la morte, mai del tutto chiarita, del marito.

Il Professor Plum, psichiatra, è stato radiato dall’ordine dei medici perché sospettato di aver abusato di una paziente. Lavora attualmente per l’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’ONU.

La sig.ra Peacock, è la moglie di un senatore sospettato di corruzione.

La sig.rina Scarlett gestisce un bordello illegale a Washington.

Il Colonnello Mustard lavora per il Pentagono ed è un cliente di Miss Scarlett.

Il sig. Green lavora per il Dipartimento di Stato e deve nascondere la sua omosessualità per mantenere il suo lavoro.

Il loro ricattatore è Mr. Boddy. Presto arriverà la polizia, chiamata da Wadsworth, a cui ognuno potrà denunciare Mr. Boddy. Quest’ultimo, però, ricorda agli ospiti che la denuncia alle autorità porterebbe alla luce i loro segreti e li umilierebbe. Così, suggerisce ad ognuno degli ospiti di prendere un’arma e di uccidere Wadsworth: «Adesso!». La luce nello studio si spegne. Si sente un colpo, poi un corpo che stramazza a terra, quindi uno sparo che rompe un vaso, seguito da un urlo. Quando la luce si riaccende il corpo sulla moquette dello studio non è di Wadsworth, ma di Mr. Boddy. Cercando di limitare i danni e scoprire il colpevole, gli ospiti si imbatteranno in nuovi omicidi e sorprendenti colpi di scena fino alla rivelazione finale.
Il film è caratterizzato da tre finali alternativi svelati dal maggiordomo.
( da Wikipedia)

Dopo aver visto il film ci è venuta voglia di giocare.
E così giovedì mentre eravamo a Milano ( io ho accompagnato il nonno Angelo a fare una visita) abbiamo recuperato, sul solaio dei nonni, il vecchio Cluedo di Luca che abbiamo definito vintage ( in effetti forse è proprio la prima edizione ) e ieri sera al nostro ritorno in collina abbiamo fatto tre partite.
Le ha vinte tutte e tre Luca. Io ho scoperto di essere una pessima detective ( ma alcuni trucchetti li ho capiti e li metterò in pratica la prossima volta).

Il gioco si svolge nella dimora Tudor Hall, con il tabellone diviso in nove stanze differenti. Ogni giocatore rappresenta un personaggio, ospite nella casa, in cui è avvenuto un omicidio: dopo la morte dell’anziano proprietario, sir Hugh Black, suo nipote, il dottor Black, aveva scoperto delle cose strane sullo zio morto e, allo scoccare del suo trentesimo compleanno era stato assassinato.
I giocatori rivestono il ruolo di sospettati, e tentano di risolvere l’omicidio per essere scagionati. Scopo del gioco è quindi risolvere il caso, arrivando a determinarne tre aspetti: l’autore, l’arma e la stanza dove si è verificato il delitto.

IMG_3810

IMG_3811

IMG_3812

IMG_3813

IMG_3809

Buon fine settimana amici!!!

Annunci

2 pensieri riguardo “Detective vintage

  1. vi siete divertiti? non lasciate sempre vincere Luca altrimenti si monta la testa………….!!!!!
    Ieri sera io e nonno Antonio ci siamo visti 4 episodi della serie Gotham
    un abbraccio a tutti e tre
    nonna Mariuccia

    Mi piace

  2. Ci siamo divertiti molto!
    E se luca vince pazienza.
    Gotham è un po troppo violento per i miei gusti ma è una serie fatta molto bene e alcuni personaggi sono molto intriganti.
    Bacioni a voi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...