Meditazione e regole nel mio rapporto con il web

IMG_5684

Qualche mese fa mi sono iscritta alla newsletter de “La casa nella prateria” il blog di Claudia Porta.
Una newsletter piacevole che sembra più la lettera di un’amica che un elenco delle novità e delle iniziative.
Con l’iscrizione ho ricevuto un regalo: la possibilità di scaricare gratis l’e-book di Claudia Come usare il web senza esserne schiavi.
Gli alberi non mi ringrazieranno ma io l’ho stampato, l’ho letto e come è mia consuetudine ho sottolineato le parti che mi hanno colpito e ho inserito appuntini miei.
E’ stata una lettura davvero interessante e utile per me che ho spesso le crisi da web.
Ci sono momenti in cui è un idillio unico e mi impegno a scrivere tutti i giorni sul blog, a partecipare ad iniziative, a condividere a più non posso e poi ci sono momenti in cui ho delle crisi di rigetto e mi verrebbe voglia di chiudere tutto e “ritirarmi a vita privata”.
Se è vero che ” la virtù sta nel mezzo” è opportuno per me trovare un po’ di equilibrio per evitare quella che Claudia chiama “overdose da web”.
Saltare da un sito all’altro, ricavare informazioni spezzettate, e anche ( nel mio caso) perdersi a considerare che “accidenti, che bella vita fanno tutte queste blogger. Luoghi meravigliosi, famiglie felici, apparentemente senza problemi”.
Come fare per fermarsi e ridurre ( o quanto meno organizzare) il carico di lavoro che affolla la mia mente?
Claudia, da brava insegnante di yoga e di meditazione, vede in queste pratiche uno strumento fondamentale.
E si sofferma nel suo e-book in particolare sui benefici della meditazione.
“La pratica della meditazione ci dà pace, tranquillità e ritrovata energia”.
“Se impariamo a conoscere e ad addomesticare la nostra mente, saremo noi a dirigerla e non viceversa. Saremo capaci di concentrarci su ciò che ci interessa ( un lavoro da terminare, un gioco con i nostri figli, una serata con gli amici) senza interruzioni inopportune.”

Ed ecco le paroline disturbanti: interruzioni inopportune.
Da cosa sono rappresentate?
Dal cellulare che suona, che ci avvisa che è arrivata una mail o un messaggio, dal desiderio di vedere in continuazione se la nostra fotina pubblicata su instagram ha ricevuto dei likes, o se ci sono commenti all’ultimo post pubblicato, ecc…
In tutto questo non c’è nulla di male se la cosa non avviene mentre stiamo facendo qualcosa che richiede la nostra attenzione piena ( come per esempio interrogare Matilde per la verifica del giorno dopo!).
Allora ci vuole organizzazione…
Claudia da delle dritte e dice:
” Ogni notifica è un’interruzione del pensiero. Facebook, Twitter, e-mail, whatsapp, solo per citare i principali, ci interrompono mentre lavoriamo, minando la nostra concentrazione e di conseguenza la nostra produttività.
Se avete difficoltà a controllarvi, stabilite degli orari prefissati per dedicarvi alle e-mail e alle attività sui social network. Due, tre, quattro volte al giorno, o anche di più, in base alle vostre necessità. Ma fissate anche dei limiti. Questi sono alcuni esempi che potrete adottare o adattare alle vostre esigenze:
– mai prima di colazione, né dopo cena ( o dopo aver recuperato i bambini a scuola, se ne avete e potete permettervi questo lusso).
– Non buttatevi sullo smartphone o sul computer appena scesi dal letto ( o peggio ancora PRIMA di scendere dal letto).
– Non dormite con il telefono vicino al letto. Non dormite con il telefono in camera. Come dite? Lo usate come sveglia? Ebbene, compratevi una sveglia. Al mattino concedetevi qualche respiro profondo davanti alla finestra spalancata e un buon caffè prima di tuffarvi a capofitto nel web.”

Termino con una frase che ho sottolineato ottantasei volte:
“Stabilite delle regole ( le vostre regole, che nessuno vi impone) e fate di tutto per rispettarle. Migliorerete la vostra produttività e la vostra salute mentale.”

Questi sono solo alcuni dei suggerimenti che Claudia condivide per imparare a gestire in modo “sano” il nostro rapporto con il web, rapporto che sarà destinato ad essere sempre più rilevante nelle nostre vite e che quindi vale la pena di essere vissuto in modo sereno.

Con quest partecipo all’iniziativa “Il venerdì del libro” di Homemademamma

Advertisements

7 thoughts on “Meditazione e regole nel mio rapporto con il web

  1. Regole sacrosante. Giusto un appunto, amo leggere i post dei blog che seguo e non sono solo tre messi in croce. Ho appena passato un periodo un po’ più lungo lontana dal web e ora mi trovo con una lunga lista di articoli da leggere. Comunque hai ragione la giornata ce la organizziamo noi e bisogna far attenzione a non diventare dipendenti da abitudini. Un abbraccio

    Mi piace

  2. Io non ne seguo moltissimi per cui la lettura dei nuovi articoli in realtà non sarebbe un problema. Quello che mi porta via molto tempo è sospirare sulle fotografie di quelle blogger soprattutte americane che vivono in posti bellissimi.
    Per questo mi devo porre dei limiti!!!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...