Maus

IMG_5754

Oggi per l’iniziativa “Il venerdì del libro” di Homemademma, vi parlo di un fumetto.
Come sapete casa nostra è piena di fumetti essendo molto amati da marito e figlia.
Questo fumetto sarà il punto di partenza della tesina che Matilde presenterà alla prova orale dell’esame di terza media.
“Maus” è un romanzo a fumetti scritto da Art Spiegelman ambientato durante la seconda mondiale che racconta dell’esperienza della Shoa vissuta dal padre dell’autore, Vladek e raccontata al figlio.
Non vi racconto nel dettaglio la storia che parte dalla tranquilla vita di Vladek ( il padre di Art) in Polonia dove si innamora di Anja una ragazza ebrea per arrivare alle vicende legate agli espedienti per scampare al pericolo nazista fino alla cattura e all’esperienza nel campo di concentramento di Auschwitz.
Ma forse l’argomento principale è il rapporto tra padre e figlio, un rapporto difficile nel quale però c’è la ricerca di un possibile equilibrio.
Quello che colpisce nel fumetto è che i personaggi non sono rappresentati in forma umana, ma in forma animale.
La forma animale è una metafora e un’immagine della condizione sociale. Gli ebrei vengono rappresentati come topi mentre i nazisti come gatti, i francesi come rane, gli americani come cani e i polacchi come maiali.

IMG_5755

E’ un fumetto che merita di essere letto anche da chi non ama particolarmente i fumetti  perchè oltre a raccontare con il linguaggio dei disegni, andando quindi più in profondità ( almeno io attribuisco questo valore alle immagini), un pezzo della nostra storia, tragico, pesante e che non va assolutamente dimenticato, è una bella storia d’amore ( tra Vladek e la sua Anja) ed è una storia tra un padre, segnato dalle esperienze del passato e un figlio che fa fatica a comprenderle perchè lontane dalle sue di esperienze.

Lo consiglio vivamente!
Alla luce di questo avrete capito quale sarà l’argomento principale della tesina di Matilde.
A presto per ulteriori sviluppi!
Buon fine settimana!

Advertisements

6 thoughts on “Maus

  1. Il tema sulla Shoa e sui campi di concentramento è forte e fa riflettere molto . Brava Matilde
    Anche se come fumetto l’argomento deve rimanere sempre vivo nella nostra mente per non dimenticare
    Sono passati alcuni anni ma mi è rimasto sempre nella mente il campo di Mauthausen , ricordo che entrando ho provato una stretta al cuore pensando all’orrore che molti esseri umani avevavo vissuto
    Luca aveva appena dieci anni ma forse lo ricorda
    un abbraccio nonna Mariuccia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...