DSA: Esami e strumenti compensativi

IMG_6481

Dal sito dell’Associazione Italiana Dislessia

Nel comma 1 della legge 170/2010 si definisce il diritto dello studente con diagnosi DSA di…

“fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari.”

Nel DPR 22.6.2009, n. 122 – Regolamento valutazione- Art. 10 – valutazione degli alunni con DSA viene specificato:

“Per gli alunni con DSA adeguatamente certificati, la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di esame conclusivo dei cicli, devono tener conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni; a tali fini, nello svolgimento dell’attività didattica e delle prove d’esame, sono adottati […] gli strumenti compensativi e dispensativi ritenuti idonei.
Nel diploma finale rilasciato al termine degli esami non viene fatta menzione delle modalità di svolgimento e della differenziazione delle prove.”

Annualmente il MIUR fornisce indicazioni sulle modalità di svolgimento degli Esami di Stato conclusivi delle medie e delle superiori. L’ O.M. 252/2016 , art. 23, Esame dei candidati con DSA e BES, esplicita:

“Nello svolgimento delle prove scritte, i candidati possono utilizzare gli strumenti compensativi previsti dal Piano Didattico Personalizzato o da altra documentazione redatta ai sensi dell’articolo 5 del decreto ministeriale 12 luglio 2011. A tali candidati potrà, pertanto, essere consentita la utilizzazione di apparecchiature e strumenti informatici solo nel caso in cui siano già stati impiegati per le verifiche in corso d’anno o comunque siano ritenuti funzionali alla svolgimento dell’esame, senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte. Sarà possibile prevedere alcune particolari attenzioni finalizzate a rendere sereno per tali candidati lo svolgimento dell’esame sia al momento delle prove scritte, sia in fase di colloquio. I candidati possono usufruire di dispositivi per l’ascolto dei testi della prova registrati in formati “mp3”. Per la piena comprensione del testo delle prove scritte, la Commissione può prevedere, in conformità con quanto indicato dal capitolo 4.3.1 delle Linee guida citate, di individuare un proprio componente che possa leggere i testi delle prove scritte. Per i candidati che utilizzano la sintesi vocale, la Commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico. In particolare, si segnala l’opportunità di prevedere tempi più lunghi di quelli ordinari per lo svolgimento della prove scritte, di curare con particolare attenzione la predisposizione della terza prova scritta, con particolare riferimento all’accertamento delle competenze nella lingua straniera, di adottare criteri valutativi attenti soprattutto al contenuto piuttosto che alla forma.”

Pertanto ogni alunno durante tutta la sua carriera scolastica ha il diritto di utilizzare gli strumenti compensativi concordati a inizio anno nel PDP, senza eccezioni, anche durante l’esame di Stato.

E’ stato così anche per Matilde.
Ha affrontato le cinque prove scritte con la sua calcolatrice, le sue tabelle, i suoi formulari. L’unica deroga, voluta da lei, ha riguardato il tema nel senso che non ha voluto usare il pc ma ha preferito scrivere a mano. Una volontà che aveva espresso già a metà della seconda media in quanto scrivere a mano le piace, non le pesa ed evidentemente c’è stata anche una compensazione dal punto di vista della disortografia, visti i buoni risultati delle sue elaborazioni scritte.
Per quanto riguarda l’orale, la difficoltà più grande che Matilde ha affrontato e sono certa affronterà ancora nella sua carriera scolastica concerne la memorizzazione di nomi e date.
Per questo abbiamo lavorato tanto sulle mappe concettuali in questi anni e continueremo a farlo.
Gli argomenti scelti per la prova orale ( ricordo che il punto di partenza erano le dittature del XX secolo in Europa) erano tanti e prevedevano di ricordare molti eventi e molte date.
Ecco perchè abbiamo realizzato una linea del tempo (molto semplice e casalinga per la verità) da avere come punto di riferimento nella sua esposizione.
Abbiamo cercato di inserire in un unico foglio tutte le date importanti relative a tutte le materie…

IMG_6484

… e abbiamo lavorato sui colori per poter distinguere gli eventi che riguardavano le singole dittature e gli eventi narrati nelle altre materie li abbiamo incorniciati con il colore abbinato alla dittatura alla quale erano collegati.

IMG_6483

Per quanto riguarda geografia abbiamo riportato su carta da lucido la cartina del Giappone, l’abbiamo colorata per bene e poi sempre giocando con i colori abbiamo indicato le città principali, i monti, i fiumi, i laghi, le pianure ecc…
Quante cose si possono dire di un paese guardando solo la cartina!!!!

IMG_6486

Vorrei spendere due parole sull’uso degli strumenti compensativi.
Ci sono ancora tante persone ( insegnanti compresi) che pensano che l’uso di questi strumenti esoneri i ragazzi rispetto allo studio perchè ragionano in questo modo: “E’ comodo avere tutto scritto e poter guardare!”.
A queste persone vorrei dire che gli strumenti compensativi sono del tutto inutili se non c’è insieme al loro utilizzo un lavoro di studio, di comprensione e assimilazione dei concetti che richiede un coinvolgimento dal punto di vista cognitivo..
Anche gli strumenti vanno studiati, vanno compresi per poter essere utilizzati.
Si tratta quindi di un doppio lavoro per i ragazzi con DSA.
Non è proprio comodo comodo, non trovate?

Felice mercoledì cari amici di blog!!!

Annunci

3 thoughts on “DSA: Esami e strumenti compensativi

  1. “A queste persone vorrei dire che gli strumenti compensativi sono del tutto inutili se non c’è insieme al loro utilizzo un lavoro di studio, di comprensione e assimilazione dei concetti che richiede un coinvolgimento dal punto di vista cognitivo..
    Anche gli strumenti vanno studiati, vanno compresi per poter essere utilizzati.
    Si tratta quindi di un doppio lavoro per i ragazzi con DSA.
    Non è proprio comodo comodo, non trovate?”

    CONDIVIDO pienamente.

    Lo strumento dovrebbe portare il ragazzo a essere alla pari con chi non ne ha bisogno (vedi l’uso della calcolatrice per un discalculico così come l’uso degli occhiali per uno miope), ma se non c’è un corretto uso degli strumenti allora finiscono per diventare un boomerang!

    Mi è sembrata molto bella la mappa del tempo che avete realizzato voi (vale molto di più di una pre-impostata!), con anche una legenda cromatica efficace. Per geografia tutti gli studenti dovrebbero usare sempre la mappa e partire da essa, se no che Geografia è?!?

    Come è andata invece la prova iNVALSI? Per mia esperienza personale per un DSA grave è l’anti-prova per eccellenza. Però ho visto anche casi di DSA che con vario esercizio alla fine se la sono cavata (una persona tende comunque a trovare dei meccanismi di compensazione, che con l’allenamento sono certamente favoriti; comunque secondo me bisogna valutare caso per caso).

    Mi piace

  2. Le prove INVALSI di Matilde sono andate discretamente nel senso che la media dei voti delle prove di italiano e di matematica è stata un accettabilissimo sette.
    La sensazione di Matilde è che la prova di italiano sia andata molto bene mentre quella di matematica molto meno bene. Questo non mi stupisce visto che anche se Matilde non è pienamente discalculica ha una richiesta di attenzione nell’ambito logico-matematico. Ciò significa che per apprendere e applicare procedimenti matematici o anche fare semplici calcoli mentali ha bisogno di molto più tempo. Sicuramente l’INVALSI non è un tipo di prova congeniale a Matilde.
    Un suo compagno DSA è andato invece super bene nelle prove INVALSI a riprova che ogni dislessico ha la propria dislessia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...