“Mandala” di Pearl S. Buck

20160729_100444

In un post prima della partenza per la collina avevo scritto che per quanto riguardava le letture vacanziere mi avrebbe fatto compagnia solo il Kindle.
Senonchè proprio il giorno prima di partire ho dato un’occhiata alla nostra libreria e mi sono detta: “Quanto libri che non ho ancora letto!”.
Così ne ho scelto uno e l’ho infilato in valigia.
Si tratta di ” Mandala”.
L’autrice, Pearl S. Buck, oltre che scrittrice è stata una sceneggiatrice e accademica. Ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1938 e il Premio Pulitzer nel 1931 per il romanzo ” La buona terra” che sicuramente mi procurerò in biblioteca visto che “Mandala” mi è piaciuto davvero molto.
Siamo in India negli anni successivi all’Indipendenza dall’Inghilterra.
Si tratta di un India combattuta tra l’amore per le tradizioni e la voglia di progresso e di modernità.
I personaggi incarnano molto bene questa ambivalenza.
Jagat, principe di antica stirpe guerriera, ma aperto e favorevole ai cambiamenti che vuole fare di uno dei palazzi storici un grande albergo per i turisti americani e che proprio di una donna americana, misteriosa e intelligentissima finisce per innamorarsi.
Moti, moglie di Jagat, legatissima alle tradizioni ma che rimane affascinata dal giovane sacerdote inglese Francis Paul.
I loro due figli, il giovane principe Jai, apparentamente amante dei lussi e i privilegi della sua posizione ma che non esita ad arruolarsi per difendere il suo paese dagli invasori cinesi e la principessa Veera, promessa sposa ad un altro principe che ovviamente non ama, attratta dallo stile di vita occidentale ma intimorita all’idea di svincolarsi dalle tradizioni.
E poi i personaggi occidentali, rispettosi delle tradizioni indiane pur facendo, ovviamente, fatica a comprenderle.
Il protagonista di questo romanzo è l’incontro tra due mondi, quello occidentale e quello orientale.
Due mondi che cercando di comprendersi, di mescolarsi.
Il tutto raccontato davvero molto bene da questa autrice, forse ingiustamente poco conosciuta.

E voi cari amici, conoscete questa autrice? Avete letto qualche suo lavoro?
Buon inizio settimana!

MANDALA
“Rappresentazione schematizzata del cosmo,
caratterizzata essenzialmente dall’organizzazione
concentrica delle forme geometriche, ciascuna delle
quali contiene l’immagine di una divinità o un
attributo della divinità. Simbolo che rappresenta lo sforzo di riunificare l’Io”.

Annunci

One thought on ““Mandala” di Pearl S. Buck

  1. non ho letto questo libro, ma di quest’autrice ho letto sia La Buona terra che Stirpe di drago, quando ero ragazzina ( erano a casa di papà e mamma)e mi piacquero moltissimo; li ho riletti in età più adulta e mi sono piaciuti nuovamente!
    un abbraccio
    Emanuela

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...