…. sospesa e… forte

cof

Sono giorni difficili per me.
La vita mi sta chiedendo delle forze, fisiche ed emotive, che non penso di avere.
Eppure continuo a ripetermi che sono forte e che ce la farò.
Nell’ultima settimana ho passato buona parte del tempo al capezzale di mio padre.
L’influenza, su una persona che già sta male, può avere effetti devastanti.
Le cose non sono destinate a migliorare, anzi, e questo comporterà il dover prendere delle decisioni per gestire la situazione.
Non sarà facile.
Marito e figlia resistono ma anche a loro sto chiedendo risorse che prima o poi si esauriranno.
Sto pensando all’opportunità di rinunciare al mio corso di formazione per l’insegnamento dello yoga nelle scuole per poter stare vicino a mia madre. Mia madre che è piena di paure, che si blocca, ma che d’altro canto non accetta nessuno tipo di aiuto esterno.
Mi sento in trappola.
Mi domando se sia giusto che io rinunci ad una parte così vitale e importante per me.
Ma sono sospesa tra il desiderio di trovare dei momenti solo per me, per ricaricarmi, e il senso di colpa nel non stare vicino ai miei genitori.
Continuo a pensare che fino ad ora ho fatto tanto per loro.
Soprattutto continuo a pensare che li ho amati e li amo tanto e questo è quello che mi darà tanta consolazione nel momento in cui non ci saranno più.
Ma l’amore per me stessa? L’ho messo sempre, inevitabimente da parte.
Prima venivano i miei genitori, poi mio marito e mia figlia e poi? E poi non avevo più energie per amare me stessa.
E’ sempre stato così.
Non è una lamentela. E’ stata una scelta consapevole e ragionata ma ora mi chiedo se sia il caso di continuare.

Recentemente ho letto una frase su Facebook.
Diceva più o meno così:
” Non augurarti che la tua vita sia facile. Augurati di essere forte”

Sono forte. Lo sento.
Vorrei solo riuscire ad amarmi di più.

Annunci

3 pensieri riguardo “…. sospesa e… forte

  1. Cara Catia, sto vivendo un’esperienza simile alla tua.
    Dobbiamo farcela. Ti auguro di fare scelte consapevoli e serene.
    A presto.

    Mi piace

  2. Catia ciò che scrivi è della serie “nulla di nuovo”. Purtroppo quando i genitori sono anziani “pretendono” che i figli mettano da parte la propria vita: si devono dedicare solo ed esclusivamente a loro.. È una storia vissuta sulla mia pelle e su quella di mia moglie nelle vicende sia dei miei genitori che in quelle dei miei suoceri. Quando finalmente, anche con un piccolo atto di forza e di autorità, si sono convinti di avere in casa una persona che li potesse aiutare ed assistere nel corso di tutta la giornata ne abbiamo guadagnato tutti, genitori compresi. Molte volte noi diciamo a noi stessi siamo forti per sostenerci magari proprio quando sentiamo che stiamo per mollare. Avendo provato ciò che descrivi ti consiglio di fare di tutto per avere un assistente in casa dei tuoi, vedrai che andrà meglio.

    Mi piace

  3. Cara Catia,
    spero vivamente che questa fase così difficile passerà presto. Come sai, non trovo giusto che tu rinunci a te stessa e alle tue aspirazioni personali e professionali…
    Penso che poi sia giusto dedicare amore a te stessa, ma questo al di là del corso di formazione. Queste sono sfide, il rimanere calmi e gioiosi in ogni circostanza. Anche per me è così. Ti abbraccio tanto…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...