Yoga: indicazioni utili per praticanti

Qualche settimana fa ho acquistato un libro, ” Yoga per tutti – lo yoga ad ogni età” di Meta Chaya Hirschl.
Nell’introduzione ho letto informazioni interessanti che vorrei condividere.

Lo yoga è uno strumento universale per esplorare gli aspetti più profondi del corpo, della mente e dello spirito. Un’antica espressione in sanscrito, neti neti, che significa “non questo non quello”, era usata per aiutarci a capire chi siamo, osservando ciò che non siamo. Tenendo questo principio in mente, forse possiamo comprendere meglio cosa è lo yoga definendo cosa non è.
Ad esempio:

Lo yoga non è un’invenzione new age
Non è una moda inventata da seguaci entusiasti della New Age o dai geni del marketing dell’America del mondo degli affari. La parola yoga viene menzionata per l aprima volta nei testi sanscriti classici Rig Veda intorno al 4000 a.C. Nel corso della sua evoluzione durata almeno alcuni millenni lo yoga ha avuto molti seguaci che l’hanno trovato utile come via verso la liberazione e la felicità. Dato che lo yoga porta anche benefici per la vita nel mondo moderno, la sua popolarità si è accresciuta insieme all’interesse per molte altre discipline spirituali.

Lo yoga non è una religione
Mentre lo yoga ci guida ad esaminare i nostri aspetti spirituali e forma una profonda connessione con il sé, non ci impone un sistema di valori. E anche se molte persone che praticano yoga in India sono indù, lo yoga non è una religione: in effetti è stato respinto dall’ induismo perchè non impone l’esistenza di Dio. Uno dei grandi saggi yogi, Swami Sivananda Saraswati che aiutò a portare lo yoga in America aprendo centri di formazione in tutto il mondo a partire dalla fine degli anni Cinquanta, diceva: ” Lo yoga non è una religione ma un aiuto alle pratiche della verità spirituali fondamento di tutte le religioni. Lo yoga è per tutti ed è universale”. Lo yoga potenzia la nostra religione, qualunque essa sia, aiutandoci ad aprirci all’amore che dimora profondo dentro di noi e poi all’amore per la comunità e per tutta l’umanità. Nel testo fondamentale degli Yoga Sutra, dopo le indicazioni su come superare gli ostacoli alla conoscenza di se stessi, viene detto:

O un’altra via
è la costante meditazione
in armonia con la tua
traduzione religiosa.

Lo yoga non è un programma di ginnastica nè un percorso di automiglioramento
Anche se le lezioni di yoga a volte hanno luogo in palestre o centri benessere, la base dello yoga non riguarda tanto l’aspetto esteriore e nemmeno l’essere in forma, quanto la trasformazione interiore. La pratica dello yoga può effettivamente rendere il punto vita più sottile, accrescere la saldezza dei muscoli addominali, aumentare la forza, la flessibilità e l’equilibrio; può migliorare la postura e persino ridurre l’ipertensione. Ma questi vantaggi fisici non sono lo scopo dello yoga che è essenzialmente l’illuminazione e la felicità. Lo yoga non è nemmeno un piano di automiglioramento, che implicherebbe l’esistenza di qualche deficit personale e l’idea di ostilità verso se stessi.

E allora che cos’è lo yoga, se non è questo e non è quello?
Lo yoga è un’antica via per scoprire la nostra vera natura così da poter coltivare i nostri doni interiori e offrirli al mondo.
Lo yoga riguarda l’essere felici, proprio ora, con quello che abbiamo.
Lo yoga insegna attraverso i movimenti e la respirazione, come focalizzare l’attenzione sul nostro sé interiore per raggiungere l’illuminazione al di là del nostro mondo materiale.
Lo yoga ci offre di praticare delle tecniche impegnative sul materassino e portare con noi la disciplina, la flessibilità e l’equilibrio ottenuti dovunqua andiamo e applicarli nelle situazioni quotidiane.

Meta Chaya Hirschl
Yoga per tutto – lo yoga per ogni età
Macro Edizioni

Ecco che quindi lo yoga praticato “on the mat” non è altro che un esercizio propedeutico alla vera pratica che è quella “off the mat”.
Questo è un concetto che ripeto spesso alle mie allieve: ” Il vero yoga è quello che inizierete a praticare una volta uscite dalla shala.  E’ quella la vera sfida!”

Buon inizio settimana, cari amici praticanti e non!

Annunci

Un pensiero riguardo “Yoga: indicazioni utili per praticanti

  1. È vero..ce lo ricordi sempre..quando ho iniziato a praticare yoga non so nemmeno io quale precisa motivazione mi avesse spinto ..adesso dopo tanti anni, con parole molto semplici, posso affermare che lo pratico con piacere( merito anche della mia maestra)..mi fa bene al corpo e all’anima..la consapevolezza mi “accompagna “ …ciao Catia!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...