In mezzo alla tempesta

Qualche settimana fa abbiamo visto su Netflix il film “L’ultima tempesta”.
Tratto da una storia vera, racconta l’eroico salvataggio dell’equipaggio di una petroliera tranciata a metà da una violenta tempesta al largo delle coste del New England il 18 febbraio 1952 da parte della guardia costiera.
Sulla piccola scialuppa di salvataggio, quattro uomini della Guardia costiera affrontano onde alte quasi venti metri, violente raffiche di vento e temperature glaciali.
Il capitano Bernie Webber, alla guida della piccola imbarcazione non si arrende agli ostacoli e studiando il mare turbolento e le onde, fa in modo di arrivare fino alla petroliera e portare in salvo i trenta marinai rimasti intrappolati.
Webber affronta le onde, che potrebbero capovolgere ogni volta la scialuppa e lo fa aumentando la velocità dell’imbarcazione nel momento giusto, cioè in quel momento preciso che gli permette di cavalcare l’onda e di non esserne travolti.
Mi ha colpito molto questa cosa e ci ho trovato un’analogia forte con la mia vita.
Nella vita capitano fulmini a ciel sereno che rischiano di annientarci, tempeste con onde altissime e rischiamo di venirne travolti e soffocare, affogare.
Ma se noi rimanessimo fermi nella nostra piccola imbarcazione, cosa succederebbe?
Non ho mai avuto una vita proprio serena.
Tanti eventi, grandi e piccoli, mi hanno destabilizzata più volte.
Sono rimasta bloccata e ferma per giorni, perchè volevo trarre insegnamento dal mio dolore, volevo danzare con le mie sofferenze, conoscerle perchè comunque facevano parte della mia vita.
Ma poi… ho sempre accelerato.
Ho cavalcato l’onda.
E anche adesso che la mia mente è un turbinio di pensieri mi voglio attribuire il merito di non essermi fermata, di non essermi bloccata del tutto.
Non posso dire di essere serena, mentirei se lo dicessi.
Ma posso dire di voler afferrare i comandi della mia piccola imbarcazione e accelerare … ancora una volta.

Annunci

6 pensieri riguardo “In mezzo alla tempesta

  1. purtroppo i fulmini a ciel sereno arrivano spesso nella vita, ma non sempre si è in grado di affrontarli e spesso
    ci tolgono la serenità; la vita continua e bisogna andare avanti affidandoci alla bontà infinita di nostro Signore
    Dico la verità io non sempre riesco ad affrontare serenamente quanto a volte ci accade
    nonna Mariuccia

    Mi piace

  2. …afferrare i comandi e accelerare..hai fatto la scelta giusta..non la più semplice, ma sicuramente ti rende “padrona” della situazione..e non vittima..però quanta fatica..impegno..sacrifici..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...