Catechismo: occhi, cuore e casa

Ieri a catechismo abbiamo (quasi) concluso un bel percorso durato tre settimane in cui abbiamo accompagnato i ragazzi a percorrere un po’ di strada con Gesù risorto.
Ci siamo messi nei panni dei due discepoli di Emmaus e abbiamo camminato con Gesù.
Nell’incontro della prima settimana abbiamo letto insieme …

Vangelo di Luca 24, 13-16
Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Emmaus, e conversavano di tutto quello che era accaduto.
Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù inpersona si accostò e camminava con loro.
Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo.

L’importanza degli occhi,del vedere, del guardare, dell’osservare.

– Che differenza c’è tra vedere e guardare?
– E’ sufficiente vedere una persona per poter dire di conoscerla?
– Quanti modi ci sono di guardare?
– Si vede solo con gli occhi?

Queste le domande che abbiamo rivolto ai ragazzi per stimolare la riflessione.
Come attività pratica abbiamo invitato i ragazzi ad osservare attentamente per cinque minuti questo dipinto…

e poi, una volta tolto il dipinto abbiamo rivolto loro queste domande:
– Quante persone ci sono nel dipinto?
– L’abito di Gesù è di due colori. Quali?
– Elencate almeno tre cibi presenti sul tavolo.
– C’è un personaggio che porta il cappello?
– Che cosa sta guardando Gesù?

Il messaggio che volevamo trasmettere è che dobbiamo imparare ad osservare per poter conoscere, dobbiamo guardare e non solo vedere per approfondire la conoscenza e non essere superficiali.

e poi…quanti modi ci sono per vedere qualcuno?
E allora il divertente gioco del “Riconosciamo il nostro compagno di catechismo”.
A turno ai bambini è stata messa una benda davanti agli occhi e quindi senza vedere dovevano riconoscere un compagno con il tatto.

La seconda settimana abbiamo continuato la lettura del Vangelo di Luca, 24, 17-27

Ed egli disse loro: «Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: «Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò: «Che cosa?». Gli risposero: «Tutto ciò che riguarda Gesù Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i sommi sacerdoti e i nostri capi lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e poi l’hanno crocifisso. Noi speravamo che fosse lui a liberare Israele; con tutto ciò son passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; recatesi al mattino al sepolcro e non avendo trovato il suo corpo, son venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato come avevan detto le donne, ma lui non l’hanno visto».
Ed egli disse loro: «Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.

Domande per stimolare la riflessione:
– Ci è mai capitato di ricevere una delusione da un amico?
– Come ci siamo sentiti?
– E’ stato difficile fidarci ancora di quest’amico?
– Quali sentimenti ha portato la delusione?
– Proviamo a pensare ad un colore che esprime l’emozione di un cuore deluso.

Attività: Costruiamo il nostro cuore deluso con l’origami

e poi lo inseriamo nel cuore rosso amore di Dio…

La terza settimana abbiamo concluso la lettura del Vangelo di Luca 24, 28-32

Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi perché si fa sera e il giorno gia volge al declino». Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l’un l’altro: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?».

Senza dubbio il brano ha come fulcro il gesto di Gesù dello spezzare il pane, gesto che apre gli occhi ai discepoli che finalmente lo riconoscono, ma questo aspetto lo approfondiremo il prossimo anno che sarà quello della Prima Eucarestia per questi ragazzi.
Abbiamo sottolineato invece l’aspetto dell’accoglienza e dell’ospitalità ( Resta con noi perchè si fa sera …) e di quanto la casa sia importante.

– Quanto è bello accogliere i nostri amici nella nostra casa ed essere accolti nella loro?
– La casa rappresenta il nostro rifugio, dove ci sentiamo a nostro agio e possiamo approfondire la conoscenza dei nostri amici attraverso il gioco, lo studio, la conversazione.

Ed ecco l’attività: Ricostruiamo il villaggio di Emmaus

Nel salone dell’oratorio i quattro gruppi hanno costruito una casa utilizzando tavoli, sedie, coperte, cuscini, ecc…e aggiungendo tanti importanti dettagli per renderla accogliente.

L’attività aveva anche uno scopo pedagogico e cioè quello di favorire il lavoro di gruppo.

E’ stato un bel percorso, noi catechiste ci siamo divertite un sacco e speriamo anche i bambini. Ma la cosa importante è riuscire a trasmettere loro la bellezza dell’avere come compagno di viaggio Gesù che c’è sempre, anche quando noi magari siamo un po’ distratti e non lo vediamo.

Annunci

Catechismo: la gioia della Resurrezione tra parole e musica

I primi due incontri di catechismo dopo la Pasqua li abbiamo dedicati a dare un po’ di risonanza, insieme ai ragazzi, a questa grande festa, la più importante in effetti.
Lo abbiamo fatto mettendo un enfasi particolare alla gioia della Resurrezione partendo dal brano del Vangelo del giorno di Pasqua:

Maria invece stava all’esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto». Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro! Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto.”

Dopo la lettura del brano abbiamo chiesto ai ragazzi di mettersi nei panni di Maria di Magdala e capire che cosa provato quando è andata al sepolcro di Gesù e lo ha trovato vuoto.
– Era già triste per la morte del suo amico, sarà diventata tristissima!
– Che angoscia non sapere dove avevano messo il corpo del suo amico!
– Era preoccupata!

” E ora ragazzi rimanete nei panni di Maria e immaginate cosa deve aver provato quando ha capito che quell’uomo che lei pensava essere il custode del giardino, in realtà era Gesù”.

– Una gioia immensa!
– Sarà stata felicissima!

“Ragazzi, voi avete mai ricevuto una bellissima notizia?”
“Siiii!!!!”
“E che cosa avete provato? Quali emozioni?”

SPERANZA
ALLEGRIA
FIDUCIA
EUFORIA
GIOIA
ENTUSIASMO
PROTEZIONE
GLORIA
WOW!
FELICITA’
RINGRAZIARE
AMORE
AFFETTO
BELLEZZA
SUPER BELLO
AMORE EXTRA
PACE
SUSPANCE
FANTASTICO

I bambini hanno sempre voglia di raccontare ed è bello sentirli descrivere gli episodi della loro vita in cui sono stati felici, oppure di una cosa brutta che è capitata loro ma che poi si è trasformata in un’esperienza bellissima come a Maria di Magdala.
Il lavoro è poi proseguito con la composizione di un Inno della Gioia utilizzando le parole frutto della loro riflessione.

Sulla melodia di Fra Martino Campanaro un inno cantato a due voci.
Meraviglioso!

Oggi è gioia
oggi è gioia

Felicità
Felicità

Oggi siam felici
Siamo tutti amici

Din Don Dan
Din Don Dan”

e poi un rap fantastico

Ho guardato sul vocabolario
e ho trovato le parole
tablet, Play Station, cavallo, top…secret

Ho guardato sul Vangelo
e ho trovato le parole
visto giardino
cercare sepolcro
angeli annuncio!

Ho guardato nel mio cuore
e ho trovato le parole
bello, pace, amore, gioia…
bello…
VEDRAI CHE BELLO!!!

I ragazzi hanno cantato con impegno il loro inno e poi ci siamo scatenati tutti insieme nel salone sulle note di “Happy” di Pharrell Williams mentre ogni ragazzo sventolava un cartello con una delle parole che avevano elaborato dopo la riflessione sul brano del Vangelo.

L’impegno che abbiamo chiesto ai ragazzi è stato quello di portare a casa, a scuola, nella squadra di calcio, ovunque la gioia di quei momenti passati insieme.
E per noi adulti l’impegno di continuare a coltivare insieme ai piccoli la consapevolezza che il mistero della Resurrezione di Gesù rappresenta la gioia della nostra fede.

Un pochino di Munari a yoga…

Ieri ai miei piccoli yogi ho raccontato la storia del piccolo bradipo che dopo aver dormito su un altissimo albero decide di farsi un bagno nel fiume e mentre scende moooolto lentamente dal grande albero incontra tanti amici animali ( l’aquila, la scimmia, lo scoiattolo volante). Quando poi, dopo aver nuotato nel fiume vuole fare ritorno alla sua cuccia sul grande albero, lento com’è ha bisogno di un aiuto e allora l’amico elefante con la sua proboscide gli da una grande spinta d’acqua e il piccolo bradipo può tornare a fare il pigrone.
Una favola sull’amicizia e la collaborazione di cui potete trovare la mia recensione qui.
Dopo aver animato la favola con le posizioni dello yoga ( troppo spassosa la posizione dello scoiattolo volante inventata dai bambini) ho proposto di costruire un bell’albero.
Ogni bimbo aveva un foglio bianco A4 e un tubetto di colla stick.
Ho dato loro tante strisce, di dimensioni diverse di cartoncino marrone …

… e ognuno ha realizzato il proprio albero.
Giulia ha voluto realizzare un albero con tanti rami…

… e poi ha iniziato a disegnare della frutta e una piccola scimmia ( come quella che il bradipo aveva incontrato durante la sua discesa lungo il tronco per raggiungere il fiume)

Viola si è ricordata di quando la scorsa primavera siamo andate ad osservare gli alberi della Polisportiva e di come alcuni di questi avessero il tronco ruvido ruvido e ha voluto ricreare questa sensazione con il cartoncino…

Il piccolo Marco (4 anni) ha creato il suo albero pensando a quando gli alberi vengono tagliati senza nessun motivo e che questa cosa non è affatto giusta. Il suo albero infatti è volutamente tutto sghembo e se anche non si vedono sul foglio …. ” ci sono due bambini sotto l’albero che dicono “NO! Non si fa!” agli uomini che lo stanno tagliando.

Mentre li osservavo creare e ascoltavo le loro riflessioni mi è troppo venuto in mente il bellissimo libro di Bruno Munari “Disegnare un albero“.

Ma quanti modi ci sono per disegnare un albero? Tantissimi, perchè ogni albero ha la propria personalità e le proprie caratteristiche e i bambini sono degli osservatori fini e attenti…

Arrivederci oratorio estivo…

E così anche l’oratorio estivo 2017 si è concluso.
Un’esperienza fantastica come sempre!
Matilde stanchissima ma felice, no… molto di più!
I bambini che volevano andare avanti ancora una settimana.
I volontari, beh! Anche loro parecchio stanchi ma davvero contenti!
Io, che non ho gestito nessun laboratorio quest’anno mi sono però impegnata nelle operazioni di gestione delle uscite e dei rientri dei bambini nella pausa pranzo e a dare una mano dove serviva.
Martedì scorso, insieme a Luca e ai nonni ho partecipato alla seconda gita.
La meta è stata anche quest’anno il Monte Poieto, ad Aviatico in provincia di Bergamo.
Un posto bellissimo raggiungibile con la cabinovia.
In cima un prato immenso in cui i bambini possono davvero giocare e correre liberamente…

Panorama stupendo…

Mercoledì mi sono divertita a documentare un po’ delle consuete attività.

I balletti nel salone…

… la S. Messa…

… i vari laboratori…

… la preparazione dei giochi d’acqua…

Giovedì giornata finale con festa di chiusura e premiazioni delle squadre…

Arrivederci oratorio estivo!
Ci hai divertito, fatto sentire amici e comunità.
Ci vediamo nel 2018!!!

L’amicizia tra donne

Stamattina mi sono ritrovata con le mie allieve del corso di yoga per una (seconda) colazione in una carinissima pasticceria del mio quartiere.
Ogni volta che mi ritrovo con loro in momenti al di fuori delle lezioni ,dove sono la “maestra”, mi sento circondata da così tanto affetto che non riesco nemmeno ad esprimere a parole.
Mi sento amica senza dubbio, ma mi sento anche figlia.
Tra noi si è creato un feeling particolare per cui mi viene spontaneo chiedere consigli ( dalle dritte su come tenere in ordine la casa a come gestire una situazione con una persona in particolare).
Stamattina una di loro ad un certo punto mi ha detto “Catia, che c’è che non va?” e io non avevo detto nulla di nulla.
Un atteggiamento, un’espressione un po’ pensierosa aveva fatto scattare l’attenzione.
Senza nulla togliere al rapporto di dialogo, importantissimo, con mio marito ( parliamo tantissimo) e con i familiari credo che per una donna sia fondamentale avere dei rapporti di amicizia sani e veri con altre donne.
Niente pettegolezzi, niente chiacchiere, niente gossip ( beh! Uno ogni tanto non fa male!) ma scambi che ti fanno crescere, che ti fanno pensare, che ti fanno anche cambiare opinione.
Ho intorno a me tante meravigliose donne.
Le mie allieve appunto, e poi le mie colleghe catechiste ( il nostro gruppo su WhatsApp si chiama catechiste-sorelle) e poi ancora le compagne del corso AIPY.

Mi piacerebbe organizzare un cerchio di donne, una momento in cui condividere la nostra innata creatività, la nostra sensibilità, i nostri disagi e difficoltà.
Credo che l’amicizia tra donne debba essere rivalutata, coltivata, curata.
Credo che sia un modo per aiutarci ad accumulare anche meno stress che deriva dal fatto di avere tantissime responsabilità e impegni.
Credo che sia un tesoro prezioso per ricaricarci e magari anche un riferimento per poter chiedere aiuto.

Voglio precisare che non si tratta di femminismo ma davvero di desiderio di sorellanza, di riconoscerci nelle nostre amiche, di curare ed essere curate attraverso il semplice ascolto, di poter esternare senza paura di essere giudicate.
Come dicevo nella mia vita ci sono molti di questi cerchi e per questo mi ritengo davvero una donna fortunata!