… con Matilde

In questi giorni sto studiando storia.
Più precisamente la storia romana in quel periodo che va dall’età tardo – antica, passando per Costantino, Teodosio e approdando alla fine dell’Impero romano d’Occidente.
Perchè studio storia?
Perchè la sta studiando Matilde.
E allora, direte voi?
E’ vero, Matilde fa la seconda superiore e in realtà è diventata discretamente autonoma nello studio, eppure a me continua a piacere studiare con lei.
Un po’ perchè sono curiosa, ho voglia di sapere, di capire… e un po’ perchè il momento dello studio ( che poi per lei è in realtà il momento del ripasso) è un momento prezioso per stare insieme.
Crescendo Matilde ha affinato, ovviamente, la sua personalità, i suoi gusti.
Sa perfettamente come passare il suo tempo libero e questo comprende, ancora ovviamente, i suoi amici e i suoi compagni di classe.
E io non ci metto assolutamente il becco, come si suol dire.
Allora il momento dello studio si rivela come quel momento tutto nostro, in cui ci confrontiamo sugli argomenti che studiamo e approfondiamo cercando materiale in rete o sui libri.
Le materie di studio sono un pretesto per chiacchierare e per conoscerci meglio. Partiamo da un argomento per arrivare a parlare di tutt’altro.
E allora in quel contesto è piacevole scoprire che tua figlia ti dice: ” Sono fortunata ad avere una mamma come te!”
Il momento dello studio diventa la nostra isola felice, in cui ci siamo solo noi.
Vabbè, non è che per stare insieme studiamo soltanto.
Ascoltiamo un sacco di musica insieme, guardiamo video su you tube, piangiamo commosse guardando l’ultima puntata della serie Tv “The Musketeers” e studiamo una coreografia sulla musica di “Happy”.
Il mio desiderio è che questi nostri momenti privilegiati continuino il più a lungo possibile, ma so che arriverà il momento in cui Matilde prenderà definitivamente il volo… ( e letteralmente visto che il suo sogno è di trasferirsi in Canada).
Vorrà dire che ogni tanto volerò da lei.

Annunci

Catechismo: una pecorella smarrita creativa

I miei ragazzi di catechismo faranno la loro Prima Confessione tra poco più di una settimana.
Un altro modo di chiamare il sacramento della Confessione è Riconciliazione e a me piace molto di più.
Riconciliarsi con qualcuno significa fare pace.
E’ bellissimo fare pace perchè ti da proprio un senso di … pace.
E’ questo che cerco di trasmettere ai ragazzi.
Il momento della Confessione vissuto non come un picchiarsi il petto ma come un momento per rinsaldare l’amicizia con Gesù che ci vuole solo e sempre felici.
La parabola della pecorella smarrita mi piace sempre molto per spiegare questo concetto.
A tutti noi capita di essere un po’ distratti e di allontanarci dal pastore, ma questo pastore ci tiene così tanto all’amicizia con noi che ci viene proprio a cercare.
Come sa chi mi segue da tempo, nel mio essere catechista ho sempre cercato di affiancare ai momenti di spiegazione ( pochi ) dei momenti di creatività  ( tanti ), di lavoro manuale che ritengo un modo efficace per apprendere concetti.
Ecco quindi due attività manuali per visualizzare la parabola della pecorella smarrita.

Su un cartoncino piegato a metà abbiamo realizzato ( quest’attività l’ho proposta ai ragazzi del ciclo precedente a questo quindi più o meno  cinque anni fa ) una graziosa pecorella ( addirittura in 3d con tanto bel cotone idrofilo)…

All’interno del cartoncino due frasi per stimolare una piccola riflessione…

Oppure si può provare a realizzare un vero e proprio gregge con tanto di pastore e recinto…

Ecco i link dove trovare il template della pecorella e del pastore...

Il diario della gratitudine

Da qualche mese seguo con grande interesse il blog di Marta Albè.
Il titolo del blog è “Vivere in armonia”.
E a chi non piacerebbe vivere sempre in armonia?  Con se stessi. Con gli altri. Con l’ambiente. Con il mondo.
Il suo è un blog visivamente semplice, pulito, proprio come quelli che piacciono a me.
In più è un’insegnante di yoga e non può non piacermi.
Per presentarsi usa queste parole: “La ricerca di sé è praticamente infinita.
Ho scelto scrittura, creatività, yoga e meditazione come strumenti per la mia crescita personale e spirituale e voglio aiutarti a fare altrettanto”.

Nel suo ultimo articolo suggeriva l’uso di uno strumento di felicità: il diario della gratitudine.
Scrive Marta: “Il diario della gratitudine, o Gratitude Journal, è un potente strumento di felicità. Lo è davvero molto per me perché alla fine della giornata scrivere una frase di gratitudine mi fa ricordare delle cose belle della vita, anche quando capita un giorno ‘no’.
La magia del diario della gratitudine è quella di farti trovare almeno una piccola cosa per dire il tuo grazie alla vita alla fine di ogni giornata, della più spensierata o della più faticosa.
Trovare un elemento di bellezza e felicità ogni giorno ti dà davvero una marcia in più perché ti fa uscire da quel vortice negativo che di tanto in tanto ti trascina via dal tuo centro di equilibrio e di tranquillità
“.

E’ verissimo ciò che dice Marta.
E’ facile essere preda dei pensieri negativi, è facile vedere tutto, ma proprio tutto nero.
E allora ti sembra che nulla meriti un’osservazione positiva, che niente di ciò che ti capita abbia un risvolto bello e buono.
Ma non è così!
Ho provato a giungere alla fine di una giornata faticosa, che dico! Faticosissima!!!! e fermarmi a rivedere il tutto e mi sono accorta che non era poi così vero che non era capitato nulla di bello.
Può essere solo una parola buona in mezzo a tante cattive; può essere un sorriso in mezzo a tanti volti scuri; può essere un abbraccio inaspettato; può essere un incoraggiamento o un sentirsi dire: “Che succede Catia? Ti vedo stanca!”

Allora ho cominciato a scrivere, nero su bianco ( nel mio caso arancione su bianco) su un piccolo quaderno almeno un motivo al giorno per cui essere grati. Perchè c’è! Sempre!
Basta fermarsi un attimo e pensarci!

Il suono naturale del nostro respiro

Questa settimana alle mie allieve ho proposto una piccola meditazione ( giusto cinque minuti) sul respiro con la ripetizione del mantra So-Ham.

Il nostro respiro è un atto fisiologico involontario che compiamo circa 25.000 volte al giorno.
Ogni respirazione secondo lo Yoga è accompagnata da un suono, un breve Mantra che recitiamo costantemente senza accorgercene.
Il Mantra So Ham.
Il suo significato è “Io sono quello” o in parole meno ermetiche “io sono parte dell’energia universale presente in ogni cosa”.
La stessa dinamica respiratoria quindi presuppone, insita nella nostra natura, una predisposizione verso il mondo, e verso tutti gli esseri viventi, predisposizione che riusciamo a cogliere solo a momenti, presi come siamo dagli impegni e dai problemi della vita.
Come lo Yoga ci insegna, concentrandoci invece sul respiro e ripetendo mentalmente il Mantra So Ham è possibile entrare consapevolmente in questo stato di coscienza più vasto e universale, in una dimensione quindi che trascenda le comuni circostanze del vivere quotidiano.
(dal sito yogaitalia.it)

Questa piccola meditazione fa parte della mia pratica quotidiana.
Nelle ultime settimane non riesco a svegliarmi molto presto ( come facevo prima) e fare una pratica completa, per cui, rispettando ciò che il mio corpo e la mia mente mi suggeriscono preferisco dedicare anche solo cinque minuti a concentrarmi sul mio respiro.
Tutto questo mi aiuta ad avere un po’ più di chiarezza mentale, di permettere alla mente di non vagare fin dal primo risveglio e intanto ritrovo ( anche se con un po’ di fatica) quel luogo sacro, tutto mio.

L’immagine di apertura me l’ha inviata una cara amica durante lo scorso weekend che ha trascorso in montagna. Immagino che in luoghi come questo, dove regna incontrastato il silenzio, riuscirei davvero a sentirlo il suono naturale del mio respiro!

Vi lascio il video con la carinissima Sara Bigatti che vi spiega come fare ….( lei lo canta il mantra, ma in realtà va ripetuto mentalmente)

Buon fine settimana cari amici di blog!

In mezzo alla tempesta

Qualche settimana fa abbiamo visto su Netflix il film “L’ultima tempesta”.
Tratto da una storia vera, racconta l’eroico salvataggio dell’equipaggio di una petroliera tranciata a metà da una violenta tempesta al largo delle coste del New England il 18 febbraio 1952 da parte della guardia costiera.
Sulla piccola scialuppa di salvataggio, quattro uomini della Guardia costiera affrontano onde alte quasi venti metri, violente raffiche di vento e temperature glaciali.
Il capitano Bernie Webber, alla guida della piccola imbarcazione non si arrende agli ostacoli e studiando il mare turbolento e le onde, fa in modo di arrivare fino alla petroliera e portare in salvo i trenta marinai rimasti intrappolati.
Webber affronta le onde, che potrebbero capovolgere ogni volta la scialuppa e lo fa aumentando la velocità dell’imbarcazione nel momento giusto, cioè in quel momento preciso che gli permette di cavalcare l’onda e di non esserne travolti.
Mi ha colpito molto questa cosa e ci ho trovato un’analogia forte con la mia vita.
Nella vita capitano fulmini a ciel sereno che rischiano di annientarci, tempeste con onde altissime e rischiamo di venirne travolti e soffocare, affogare.
Ma se noi rimanessimo fermi nella nostra piccola imbarcazione, cosa succederebbe?
Non ho mai avuto una vita proprio serena.
Tanti eventi, grandi e piccoli, mi hanno destabilizzata più volte.
Sono rimasta bloccata e ferma per giorni, perchè volevo trarre insegnamento dal mio dolore, volevo danzare con le mie sofferenze, conoscerle perchè comunque facevano parte della mia vita.
Ma poi… ho sempre accelerato.
Ho cavalcato l’onda.
E anche adesso che la mia mente è un turbinio di pensieri mi voglio attribuire il merito di non essermi fermata, di non essermi bloccata del tutto.
Non posso dire di essere serena, mentirei se lo dicessi.
Ma posso dire di voler afferrare i comandi della mia piccola imbarcazione e accelerare … ancora una volta.