… con Matilde

In questi giorni sto studiando storia.
Più precisamente la storia romana in quel periodo che va dall’età tardo – antica, passando per Costantino, Teodosio e approdando alla fine dell’Impero romano d’Occidente.
Perchè studio storia?
Perchè la sta studiando Matilde.
E allora, direte voi?
E’ vero, Matilde fa la seconda superiore e in realtà è diventata discretamente autonoma nello studio, eppure a me continua a piacere studiare con lei.
Un po’ perchè sono curiosa, ho voglia di sapere, di capire… e un po’ perchè il momento dello studio ( che poi per lei è in realtà il momento del ripasso) è un momento prezioso per stare insieme.
Crescendo Matilde ha affinato, ovviamente, la sua personalità, i suoi gusti.
Sa perfettamente come passare il suo tempo libero e questo comprende, ancora ovviamente, i suoi amici e i suoi compagni di classe.
E io non ci metto assolutamente il becco, come si suol dire.
Allora il momento dello studio si rivela come quel momento tutto nostro, in cui ci confrontiamo sugli argomenti che studiamo e approfondiamo cercando materiale in rete o sui libri.
Le materie di studio sono un pretesto per chiacchierare e per conoscerci meglio. Partiamo da un argomento per arrivare a parlare di tutt’altro.
E allora in quel contesto è piacevole scoprire che tua figlia ti dice: ” Sono fortunata ad avere una mamma come te!”
Il momento dello studio diventa la nostra isola felice, in cui ci siamo solo noi.
Vabbè, non è che per stare insieme studiamo soltanto.
Ascoltiamo un sacco di musica insieme, guardiamo video su you tube, piangiamo commosse guardando l’ultima puntata della serie Tv “The Musketeers” e studiamo una coreografia sulla musica di “Happy”.
Il mio desiderio è che questi nostri momenti privilegiati continuino il più a lungo possibile, ma so che arriverà il momento in cui Matilde prenderà definitivamente il volo… ( e letteralmente visto che il suo sogno è di trasferirsi in Canada).
Vorrà dire che ogni tanto volerò da lei.

Annunci

Cambio di rotta ovvero come adeguarsi ai cambiamenti

wallpaper5x4-21

Quando ho aperto questo blog l’obiettivo era quello di condividere con altri genitori l’esperienza dell’avventura scolastica.
E mi si è aperto un mondo.
Parole come apprendimento, educazione libertaria, homeschooling hanno cominciato ad affascinarmi e anche se noi non abbiamo vissuto l’esperienza della scuola familiare ho davvero imparato tanto da chi invece ha intrapreso il percorso e attinto tantissimo per applicare poi in quello che avevamo definito forse impropriamente un “homeschooling part time”.
Qualche tempo dopo è iniziata un’altra aventura cioè quella della dislessia e questo ha portato ad un cambiamento anche nei contenuti del blog. Ed era normale.
Ho passato mesi e mesi a studiare, leggere, cercare informazioni, confrontarmi e il blog era diventato anche lo strumento con cui “sfogarmi” visto che l’esperienza non è stata sempre tutta rose e fiori.
Mi sono poi divertita molto a pubblicare le nostre mappe, i nostri schemi, i nostri lapbooks ecc…
E ora?
Ora le cose sono cambiate tanto.
I primi mesi del liceo mi hanno fatto capire che Matilde ha sempre meno bisogno di me, almeno come supporto allo studio.
Le materie artistiche, tante, la tengono molto occupata e quindi io mi limito ad aiutarla a studiare storia, geografia, scienze, matematica mentre per italiano e inglese se la cava benissimo da sola avendo trovato le sue personali strategie per compensare le sue personali difficoltà.
Ovviamente di questo sono molto contenta perchè significa che si sta avviando ad una piena autonomia.
Credo che anche il blog “risentirà” di questo cambiamento.
Probabilmente pubblicherò meno articoli “scolastici”.
Ma ci sta.
Tutto cambia, tutto si modifica e si trasforma.
Anche la vita “bloggosa” di una mamma homeschooler part-time.
Vorrà dire che parlerò un po’ più di me, del mio percorso di yogini, di insegnante ( sotto questo aspetto si prospetta un 2017 interessante), di catechista, dei miei slanci creativi ( ora che si avvicina il Natale) e comunque di me, mamma di un’adolescente che ha ancora voglia di essere abbracciata e coccolata.
Mi seguirete lo stesso vero?

La natura ama i numeri primi

Animals_Views_www.laba.ws
Animals_Views_www.laba.ws

In questi giorni stiamo facendo il ripasso di matematica sui numeri naturali e i numeri interi.
Dei numeri naturali fanno parte i numeri primi che sono quei numeri che possono essere divisibili solo per 1 o per se stessi.
Leggo sul libro di matematica di Matilde:

In diversi fenomeni la natura sembra scegliere i numeri primi. Se proviamo a sezionare una banana, il frutto all’interno appare diviso in tre parti, mentre se tagliano una mela a metà nel senso trasversale possiamo osservare 5 logge che contengono i semi del frutto, disposte secondo una simmetria a stella. Il numero 5 ricorre spesso in natura: basti pensare alle dita degli arti dei mammiferi, alle stelle marine, ai petali di fiori come la rosa canina, la petunia, il gelsomino, alle foglie della vite o del platano. 7 sono i giorni della settimana: dato che tra una fase e l’altra di luna piena e la successiva intercorrono circa 29 giorni ( numero primo anch’esso), il numero 7 permette una pratica suddivisione del mese in quattro gruppi di 7 giorni.
Ma questi sono solo alcuni esempi: guardandoti intorno, puoi scoprire tanti numeri primi anche tu!

Ci siamo guardati intorno e abbiamo visto .. i 7 colori dell’arcobaleno!

doppio_arcobaleno

E voi quali numeri primi “naturali” vedete?
Have a nice monday, friends!

Una mega mappa per l’esame

IMG_6426

Hola amici,
come state?
Qui stiamo lavorando sodo per l’esame orale che Matilde avrà lunedì prossimo.
Per fortuna verrà interrogata il primo giorno degli orali, così ci leviamo il pensiero e poi ci butteremo a capofitto nell’oratorio estivo!
Questa settimana di mattina Matilde è impegnata negli scritti e di pomeriggio nel ripasso degli argomenti che porterà appunto al colloquio.
Per ripassare abbiamo realizzato una mega mappa.
In realtà mi sarebbe tanto piaciuto fare tanti lapbook in stile Sybille, ma il tempo è stato davvero poco ( fino alla settimana scorsa io ho avuto i corsi e Matilde stessa le ultime interrogazioni). Però ci tenevo a realizzare qualcosa che la potesse aiutare a visualizzare gli argomenti. In fondo non sono pochi! Sono dieci argomenti per dieci materie ( Ed. fisica compresa).
Mi fa piacere condividere il nostro lavoro perchè penso che potrebbe essere uno spunto interessante per chi nei prossimi anni dovrà affrontare l’esame.

IMG_6444

IMG_6449

Il punto di partenza è stato un fumetto, del quale vi avevo già parlato in questo post.

IMG_6450

La tematica del fumetto ha suggerito a Matilde l’argomento di storia che avrebbe poi fatto da filo conduttore …

IMG_6451

Ecco le quattro dittature europee del XX secolo con i rispettivi leader…

IMG_6452

dittatori

E poi via via i vari collegamenti.
Il fascismo lo abbiamo collegato a letteratura parlando di Primo Levi e del neorealismo ( in letteratura ma anche nella cinematografia. Infatti come attività di homeschooling abbiamo in programma la visione di “Roma, città aperta” film simbolo del neorealismo).

IMG_6457

Il nazismo si è prestato a collegare tante materie e per la precisione:
– Scienze: la genetica e l’eugenetica ( con riferimento all’eugenetica nazista);
– Inglese: Matilde ha studiato un articolo su Sir Nicholas Winton;
– Musica: la musica del novecento ( l’espressionismo e i generi atonale, dodecafonico, puntillista e politonale) e in particolare A. Schoemberg con la cantata “un sopravvissuto di Varsavia”;
– Educazione Fisica: Le olimpiadi di Berlino del 1936 con un escursus sulla storia dei Giochi olimpici;
– Tecnologia e Informatica: Alan Turing e il computer.

IMG_6466

IMG_6458

IMG_6459

IMG_6465

IMG_6467

IMG_6468

Per il franchismo abbiamo preso come argomento di partenza “Guernica” di P.Picasso e di conseguenza uno studio approfondito del cubismo e un brano sulla vita del pittore spagnolo da esporre in francese.
Per realizzare la parte dedicata a francese e arte mi sono divertita tantissimo. Minilibri, una specie di linea del tempo per i tre periodi artistici di Picasso ( non sono carini i dipinti stesi come panni sullo sfondo di Parigi?) e Guernica “sezionato” per interpretarlo con ordine e precisione.

IMG_6460

IMG_6461

IMG_6462

IMG_6463

IMG_6464

Lo Stalinismo non sapevamo come collegarlo poi ci è venuto in mente che come materia ci mancava geografia e così abbiamo optato per il Giappone che ha avuto a che fare con Stalin, Mussolini e Hitler durante la seconda guerra mondiale e che è il paese dei manga, i fumetti che piacciono tanto a Matilde e al suo papà.
Il cerchio è così chiuso!

IMG_6472

Come sempre io mi diverto un sacco a studiare con Matilde, a interrogarla, a cercare notizie per approfondire gli argomenti.
Chissà se anche alle superiori continueremo a divertirci studiando?