Alla scoperta di Milano: CityLife

Giovedì, dopo la scuola, appuntamento con Matilde a CityLife.
Il progetto CityLife si inserisce nella riqualificazione dell’area dell’ex-Fiera di Milano che è stata lasciata libera con lo spostamento delle attività fieristiche nel nuovo polo di Rho-Fiera.
Questo progetto dal forte impatto visivo per via dei suoi tre grattacieli, comporterà:
la creazione della più grande area pedonale di Milano, nonché una delle maggiori in Europa, con circolazione di auto e parcheggi esclusivamente ai piani interrati;
il dimezzamento della cubatura preesistente;
la realizzazione del terzo parco centrale milanese.

Si tratta di un vasto spazio che comprende oltre al centro commerciale anche parecchie aree verdi, in cui è possibile passeggiare e ammirare anche frutta e verdura ( vedi Orti Fioriti).
Le mie foto non rendono assolutamente per cui ecco il link al sito ufficiale.

Annunci

Alla scoperta di Milano: la Statua della Libertà?

Stamattina Matilde è andata con la sua classe a visitare il Duomo di Milano.
Per noi milanesi non dovrebbe essere una novità visitare il nostro bellissimo Duomo eppure ogni visita può nascondere una sorpresa…
A metà mattina la mia ragazza mi manda via WhatsApp una foto. La didascalia diceva: “Imbucata a Milano” e l’immagine rappresenta una delle numerosissime statue ( 3400 statue più 700 figure) che decorano la nostra Cattedrale.
La guardo bene e scopro che effettivamente mi è familiare.
“Miss Liberty!” esclamo io e subito dopo ” Ma dai! Non me ne sono mai accorta!!!”
E così, curiosa come una scimmia, vado ad informarmi.

Si chiama “La Legge Nuova” e fu scolpita da Camillo Pacetti, artista nato a Roma ma Milanese d’adozione che operò fra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800 nella città meneghina.
La statua fu realizzata nel 1810, si trova sopra il portone principale d’ingresso, sul balcone, e nella mano destra cinge una fiaccola, mentre quella sinistra si appoggia ad una croce. In testa ha una corona stellata e come vestito una tunica in stile greco.

E la somiglianza con Miss Liberty è impressionante.
Accanto a lei, dall’altra parte del balcone c’è la statua ” La Legge Vecchia” che regge delle tavole.
Si pensa che Frederic Auguste Bartholdi si ispirò proprio ad essa per la realizzazione della Statua della Libertà di New York, nel 1885.

Il Duomo di Milano è maestoso, bellissimo, tutto da ammirare.
Chissà quanto tempo impiegheremmo per osservare tutte le statue del Duomo?
Perchè se guardiamo bene… c’è anche…

… un cucciolo di dinosauro.
Ma questa storia ve la racconto un’altra volta!

Gita di studio … a Milano

Matilde ed io siamo appena tornate da una “gita” di studio nella nostra città.
L’insegnante di storia dell’arte infatti ha assegnato ai ragazzi come compito delle vacanze di Natale di visitare le basiliche di Sant’Ambrogio e di San Lorenzo che erano state, recentemente, oggetto di studio (arte paleocristiana).
Non mi soffermo sulle caratteristiche delle chiese, sullo stile architettonico, ma piuttosto su ciò che rappresenta per me condividere con mia figlia il suo percorso di studi. E accompagnarla in queste uscite, facendole domande e chiedendo spiegazioni su argomenti che mastica decisamente più di me ( ricordo che frequenta il secondo anno del liceo artistico) per me è davvero entusiasmante.
Non stavo molto bene stamattina ( di nuovo l’influenza?) ma non avrei rinunciato per nulla al mondo a questa uscita.
Storia dell’arte è una materia che a Matilde piace molto e vi assicuro che l’ho vista quasi emozionata di fronte al mosaico del Cristo tra i discepoli nella Cappella di Sant’Aquilino nella Basilica di San Lorenzo. Si, perchè quel mosaico l’aveva studiato e analizzato sul libro ma averlo davanti a sè, dal vivo, è tutta un’altra cosa.

Basilica di Sant’Ambrogio

 

Colonne e Basilica di San Lorenzo

Viviamo i parchi cittadini!

Questa mattina Matilde ed io abbiamo fatto una lunga passeggiata nel parco che c’è all’interno del nostro quartiere.
Lei ne aveva bisogno visto che sta concludendo i suoi compiti delle vacanze ed è parecchio stanca e io anche visto che non mi sembra nemmeno di aver fatto delle vacanze quest’anno. Per diversi motivi i quindici giorni passati in collina infatti non sono stati rigeneranti e riposanti come gli altri anni.

Anche se si vive in città si ha la possibilità di vivere zone verdi.
Noi a onor del vero siamo molto fortunati. Oltre al nostro parco, abbiamo molti altri parchi vicini: Il Parco delle Cave, Bosco in città, il Parco di Trenno ma poi spostandoci per pochi km con la macchina siamo praticamente in aperta campagna.
Riuscire a passare anche solo venti minuti al giorno circondati dal verde ha dei grandi benefici.
Passeggiare in un parco è di grande aiuto per combattere lo stress e la depressione.
Il parco diventa infatti spesso luogo di incontro, di nascita di amicizie, di condivisione.
I parchi sicuramente hanno anche una funzione estetica rispetto alla location cittadina e avere tanti alberi significa avere aria un pochino ( dico un pochino) più pulita.
Inoltre chi ha un parco o delle zone verdi intorno diventa più consapevole del ritmo delle stagioni. Osservare i colori che cambiamo, il paesaggio che si modifica aiuta secondo me a vivere più consapevolmente e con attenzione. Un esercizio di mindfulness anche questo!
Senza contare i vantaggi per i bambini.
Negli spazi aperti i bambini possono sperimentare creatività ( quante volte io ho immaginato che quella piccola aiuola fosse il giardino del mio castello incantato) e movimento.
Possono interagire con altri bambini, sperimentare nuove amicizie e perchè anche dei piccoli conflitti…

Io amo tanto i parchi e visto che per ora non posso realizzare il mio sogno di vivere in collina ho deciso che li vivrò il più possibile. Non potrà farmi altro che bene!

Marzo

cof

Buon inizio marzo cari amici!
Questo sarà un mese molto intenso ( e quale mese non lo è?!?!?!?).
Tra due settimane comincerò il mio primo corso di yoga per bambini.
Sono entusiasta di questa cosa e ci sto lavorando con passione ( giuro che prima o poi pubblicherò qualcosa!).
Mi sta aiutando molto il corso di formazione AIPY che sto facendo ( questo fine settimana si parlerà dell’importanza dei riti per i bambini e poi ancora tanta didattica), senza contare che le mie compagne di corso sono eccezionali. Non mi sono mai trovata così bene in un gruppo. Entusiasmo, voglia di condividere ( anche su WhatsApp per sere intere!).
Bello, bello, bello!
In questo mese succederà un’altra cosa molto bella. I miei ragazzi di catechismo ( cresimandi) incontreranno Papa Francesco il 25 marzo allo Stadio di San Siro in occasione della visita del Pontefice nella nostra città. Io non ci sarò, perchè sarò impegnata in un altro seminario per il mio lavoro ma sono sicura che per loro sarà un’esperienza importante.
E poi marzo è il mese della primavera. Già da qualche settimana ci sono le prime gemmine sugli alberi e l’aria anche se ancora freddina è diversa.
Io ho voglia di primavera. Di rinnovamento. Di vita nuova.
E voi?
Un abbraccio grande a chi passerà di qui oggi… e anche domani 🙂