Un anno in 12 immagini

Arrivati all’ultimo giorno dell’anno desidero ripercorrere con voi questo 2017 che stasera ci saluterà.
E vorrei farlo attraverso 12 immagini che ho selezionato dopo aver dedicato ieri del tempo a rileggere ( anche se brevemente ) i post scritti quest’anno.

Gennaio
Dopo diversi tentennamenti dovuti a problemi familiari, inizio il corso di formazione  AIPY per l’insegnamento dello yoga per l’età evolutiva.

Febbraio
Mi faccio il proposito di camminare ogni giorno almeno mezz’ora! Beh! Ci devo ancora lavorare!

Marzo
La bisnonna Maria ci lascia e tornare in collina è un po’ triste senza di lei!

Aprile
Ho iniziato il mio corso privato di yoga per bambini. Ho solo 2/3 piccoli yogi ma la felicità è tanta!

Maggio
Con mia grande gioia, scopro vicinissimo a casa mia, un centro yoga dove posso praticare secondo la tradizione del Satyananda Yoga e vabbè… è proprio il massimo!!!
P.S. Ora il centro di chiama YogaLab- Atelier Yoga Milano.

Giugno
Inizia l’oratorio estivo, un appuntamento che coinvolge tutta la famiglia e accidenti!!!! Quanto ci divertiamo!

Luglio
E’ il mese delle nostre vacanze sulle “mie” colline piacentine, il luogo che amo di più al mondo!
Quest’anno poi ho vissuto un’esperienza tutta particolare!

Agosto
Matilde ed io andiamo alla scoperta dei parchi cittadini.

Settembre
Matilde inizia il secondo anno di liceo artistico e anche questa si rivelerà una bellissima anche se faticosa avventura!

Ottobre
Riprendo la mia attività come catechista in parrocchia con i bimbi di terza elementare. Un nuovo ciclo, una nuova avventura!

Novembre
Concludo il corso di formazione AIPY e che dire! Una felicità immensa!

Dicembre
Metto subito in pratica ciò che ho imparato nel corso AIPY con grande soddisfazione nella mia piccola sala yoga completamente ristrutturata!!!!

Mi guardo indietro e in quest’anno vedo tanta fatica, tante preoccupazioni ma una grande voglia di essere felice, con la mia little family, il mio lavoro, il mio yoga, il mio catechismo.
Concludo l’anno con tanta serenità per aver vissuto un anno intenso, intensissimo.

E il vostro anno come è stato cari lettori?
Condividete nei commenti se vi fa piacere!
E intanto vi auguro di trascorre serenamente questa ultima giornata del 2017!!!
Buon Anno!!!!!!

Annunci

Arrivederci oratorio estivo…

E così anche l’oratorio estivo 2017 si è concluso.
Un’esperienza fantastica come sempre!
Matilde stanchissima ma felice, no… molto di più!
I bambini che volevano andare avanti ancora una settimana.
I volontari, beh! Anche loro parecchio stanchi ma davvero contenti!
Io, che non ho gestito nessun laboratorio quest’anno mi sono però impegnata nelle operazioni di gestione delle uscite e dei rientri dei bambini nella pausa pranzo e a dare una mano dove serviva.
Martedì scorso, insieme a Luca e ai nonni ho partecipato alla seconda gita.
La meta è stata anche quest’anno il Monte Poieto, ad Aviatico in provincia di Bergamo.
Un posto bellissimo raggiungibile con la cabinovia.
In cima un prato immenso in cui i bambini possono davvero giocare e correre liberamente…

Panorama stupendo…

Mercoledì mi sono divertita a documentare un po’ delle consuete attività.

I balletti nel salone…

… la S. Messa…

… i vari laboratori…

… la preparazione dei giochi d’acqua…

Giovedì giornata finale con festa di chiusura e premiazioni delle squadre…

Arrivederci oratorio estivo!
Ci hai divertito, fatto sentire amici e comunità.
Ci vediamo nel 2018!!!

Lettera a mia figlia

Cara Matilde,
è finita anche la terza settimana di oratorio estivo.
Come sai quest’anno io non sono molto attiva come volontaria e “bazzico” poco l’oratorio ma ho approfittato di alcuni momenti per osservarti nel tuo ruolo di animatrice e voglio farti sapere che sono davvero fiera di te.
Ho visto come interagisci con i bambini, come li aiuti, come li coinvolgi nelle attività.
Ho visto il tuo modo di fare gentile e protettivo ma ho visto anche il tuo essere consapevole del ruolo che ricopri che richiede anche autorevolezza.
Essere animatori ed educatori richiede energia e tu in queste settimane ne hai avuta tanta e ne hai impiegata tanta.
Essere animatori ed educatori significa assumersi delle responsabilità ( in primis la sicurezza dei bambini e poi l’impegno per il loro divertimento) e da quello che ho visto tu hai piena consapevolezza di questo.
Continua così!
Continua ad essere gentile con i bambini ( ti confesso che mi piace pensare di averti trasmesso un po’ del mio amore per il loro mondo).
Avvicinati a loro, quasi come in un inchino, per accorciare le distanze.
Guardali negli occhi quando ti parlano perchè gli occhi di un bambino comunicano più di qualsiasi parola e perchè i bambini meritano la nostra più completa attenzione.
Falli ridere e non farli mai piangere.
Anche quando li riprendi fallo con decisione ma con gentilezza.
Coltiva il rispetto per i più piccoli perchè dietro la loro giovane età si svela una profonda saggezza, una genuinità che purtroppo noi adulti (ma anche ahimè già alla tua età) abbiamo perso.
Continua su questa strada perchè porta tanta gioia a te e a loro…
E anche a me ( e sono sicura anche a papà) che ti vedo crescere forte e sicura di te, allegra e responsabile.

Ti voglio bene!
Mamma Catia

Attività con i bambini: il parco avventura JRP Extreme

Ieri abbiamo vissuto la prima gita di questo Oratorio Estivo 2017.
Destinazione il Parco Avventura JXP Extreme di Caglio in provincia di Como.
Questo tipo di attività ha sempre un grande impatto sui bambini e i ragazzi ( nonchè sugli adulti visto che Luca si è preso le ferie in questa settimana per non perdersi l’emozione!).

Le proposte sono varie e interessanti.
Al nostro arrivo i ragazzi, che erano già stati divisi in tre gruppi, si sono alternati nelle tre attività in programma: Percorso sospeso tra gli alberi, Orienteering e Sopravvivenza.

Ho documentato la giornata facendo anche delle piccole interviste ai ragazzi:
Riccardo, 8 anni : ” la parte che mi è piaciuta di più è stata quando ho fatto la carrucola!”.
Alessandro, 9 anni: ” E’ stato tutto bello, ma soprattutto perchè eravamo in mezzo alla natura!”
Carlotta, 9 anni: “E’ tutto una sfida!”
Sophie, 11 anni: “L’orienteering è stancante ma divertente. In pratica siamo andati in giro per tutto il paese con una mappa e dovevamo trovare delle bandierine orientandoci appunto con la mappa”.
Filippo, 11 anni: ” Nell’attività di sopravvivenza abbiamo imparato ad accendere un fuoco senza avere accendino o fiammiferi, a costruire una piccola capanna con legni e corteccia e a sapercela cavare solo con quello che abbiamo nello zaino”.

Ecco la capanna…..

… e no! Non potevo non collaborare!

 

La mia piccola yogini ed io ci siamo ritrovate ancora una volta circondate da alberi e….. beh! Eravamo felici ( lei soprattutto!)

Con la mappa…

Sono felice di aver trascorso una giornata in uno splendido bosco con i ragazzi.
Sono giornate rigeneranti per me … e spero anche per loro!

Scoprire e amare la bellezza del creato

Stamattina è cominciato l’oratorio estivo.
Quasi duecento bambini hanno “invaso” il salone dell’oratorio per cominciare insieme quest’avventura.
Il tema di quest’anno è bellissimo!
Lo slogan “DETTO FATTO – meravigliose le tue opere” rimanda alla creazione e all’invito rivolto ai ragazzi di imparare a guardare, contemplare, conoscere, stupirsi fdinnanzi a tutto ciò che di bello c’è nel nostro mondo e soprattutto imparare a benedire, cioè a “dire bene”.
Il testo di riferimento sarà ovviamente il primo capitolo della Genesi e il percorso che i ragazzi seguiranno si articolerà nella spiegazione, attraverso giochi, attività e momenti di preghiera, dei sette giorni che hanno portato alla creazione.

Diremo ogni giorno ai ragazzi, di fronte alla bellezza e alla varietà del mondo, che all’origine di tutto esiste il pensiero buono di Dio che ha voluto un universo ordinato, in cui ci fossimo dentro anche noi, lo esprimeremo con uno sguardo che è molto somigliante a quello del Creatore e con parole e fatti che possono essere segno della sua presenza e quindi una sua «immagine».

Credo che sia importante trasmettere ai bambini, anche attraverso il linguaggio biblico l’importanza del vivere in un mondo che è per sua natura ordinato, pulito, che segue determinate e benefiche regole per automantenersi e di come noi uomini, meravigliose creature, possiamo essere validi aiutanti.
Papa Francesco, qualche anno fa, ha voluto dedicare addirittura un’enciclica intera al tema dell’ambiente che ha intitolato “Laudato sì”, frase che ricorre nel Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi per lodare Dio per le sue meravigliose creature.
Sia il percorso dell’oratorio estivo che l’enciclica del Papa non hanno ovviamente un intento scientifico rispetto al tema dell’ambiente e della creazione, ma io credo che gli obiettivi pastorali e quelli scientifici possano andare di pari passo come veicoli di trasmissione di valori sani, puri, di rispetto e di condivisione di ciò che ci circonda.

In bocca al lupo a tutti gli educatori, gli animatori, i volontari perchè hanno la grande responsabilità di vivere loro in prima persona quegli stessi valori.

P.S. La ragazza della foto è un’amica di Matilde che stamattina si è avvicinata al mondo e ha detto “Io lo adoro!”