Attività con i bambini: origami semplici

Mi piacciono tantissimo, ma sono negatissima!
Sto parlando degli origami cioè dell’arte di piegare le carta per creare cose meravigliose.
Ogni tanto mi ci metto e mi diverto ( a parte confermare la mia totale incapacità).
Ho acquistato recentemente un libro in cui vengono spiegati passo passo 35 progetti semplici che si possono realizzare con i bambini.

In allegato con il libro tanti bei fogli colorati…

I progetti sono presentati con diversi livelli di difficoltà.
Per provare ho scelto due progetti con difficoltà 1 ( ero quasi certa che sarei riuscita a realizzarli!).

Ho realizzato una piccola casetta.
Poche pieghe effettivamente per un risultato molto carino.
Immaginate un villaggio tutto colorato…

Da bambina ne ho fatti tantissimi di quei giochini che si chiamavano “inferno e paradiso”. Ve lo ricordate?
Beh! Da adulta buio totale su come si deve procedere.
Ma con pazienza…

Origami per bambini è l’introduzione perfetta all’origami, l’arte giapponese di piegare la carta, adatta a genitori e bambini di tutte le età.
I progetti sono divisi in sei sezioni e vanno dagli origami classici, come gli animali, alle decorazioni per le feste.
C’è anche un progetto per creare il tradizionale elmo dei samurai giapponesi!
Effettuando delle semplici piegature si possono davvero creare tantissimi oggetti.

In Giappone è un passatempo usuale per i bambini che apprendono l’arte di piegare la carta dai genitori o dai nonni e anche alla scuola materna.
L’origami aiuta a sviluppare la concentrazione e infonde nei bambini un senso di realizzazione.
E’ bello vedere l’oggetto che si sviluppa piega dopo piega!

E in effetti è così!
Qualche giorno dopo aver acquistato il libro ed essermi cimentata nella realizzazione di semplici origami, una docente del corso di formazione AIPY ne ha proposto uno a noi allieve.
Ho scoperto di non essere la sola ad avere qualche difficoltà!
In ogni caso alla fine, piega dopo piega, e anche dopo qualche piccolo errore è uscita questa splendida farfalla…

Ho proposto l’attività degli origami alle mie piccole yogini che hanno realizzato una scatolina per adagiare cinque ovetti di cioccolato ( era la lezione prima delle vacanze di Pasqua) e la cosa ha riscosso un grande successo!

Mari Ono e Roshin Ono
Origami per bambini
Edizioni Il Castello
Per bambini dai 3 anni in su

Attività con i bambini: costruiamo il nostro sole

Lezione molto solare quella di ieri con le mie piccole yogini!
Si, perchè la lezione era proprio dedicata al sole.
Abbiamo iniziato ad imparare la sequenza del Saluto al Sole, abbiamo fatto la danza dei raggi di sole e poi abbiamo costruito addirittura un piccolo sole tutto nostro.
E’ un’attività simpatica da proporre ai bimbi, magari in una grigia giornata di pioggia per rischiararla un po’!

E’ molto semplice.
Si ritaglia un cerchio abbastanza grande da un cartoncino giallo ( in alternativa si può usare un piattino di carta).
Poi si chiede ai bimbi di disegnare la forma delle loro mani e di ritagliarla.

Le manine dei bambini saranno i raggi del nostro sole.
Infatti man mano si incollano sul bordo del cerchio di cartoncino …

Ovviamente poi i bambini si divertiranno a fare occhi, bocca, naso e tutto ciò che a loro piace per personalizzare il loro piccolo sole…

Possiamo spiegare che come i raggi del sole attraverso la luce e il calore fanno vivere le piante e fanno bene anche a noi, così le nostre mani possono essere utili per aiutare i nostri amici e le persone che ci chiedono aiuto e possono diventare strumenti di gesti gentili.

Albero

Da un paio di settimane ho cominciato il mio primo corso di yoga per bambini.
Per ora non sono molti, ma li vedo, anzi le vedo, perchè sono tutte bambine, molto contente di partecipare.
Ho pensato di sviluppare insieme a loro un percorso che ci porta alla scoperta della bellezza degli alberi e del bosco.
Ho disegnato un grande albero in un prato e circondato da un bel cielo azzurro e ad ogni lezione lo arricchiamo con degli elementi ( fiori, le farfalle, gli uccellini, il sole ecc…).
Ogni lezione sarà dedicata a quel particolare elemento proponendo oltre alle posizioni dello yoga, giochi di respiro, di concentrazione e momenti creativi.
Cercando un libro per bambini sugli alberi ( ce ne sono tantissimi, ne avevo parlato anche in questo post) mi sono imbattuta in un piccolo capolavoro.
Il titolo è semplicemente “Albero”. Continua a leggere “Albero”

Yoga per bambini: l’importanza delle favole

doc1

In una classe di yoga per bambini una costante per me è la favola.
Ma perchè inserire le favole in una lezione?
Clemi Tedeschi nel suo libro “Piccolo Yoga” scrive:
L’animazione di una favola con asana è il cuore di una seduta di Piccolo Yoga. Attraverso i giochi i piccoli praticanti hanno preso confidenza con le posizioni, sono più calmi e ricettivi, pronti per l’ascolto e l’esecuzione. Le sequenze narrative sono strutturate in modo che le posizioni fluiscano una dopo l’altra e il linguaggio, molto semplice, non interrompa l’azione. Ciò favorisce la concentrazione e fa sperimentare quell’armonia tra mente e corpo che costituisce uno degli obiettivi fondamentali della pratica. I contenuti, inoltre, richiamano l’importanza della relazione con la natura, con tutti gli esseri viventi, trasmettono valori coerenti con la filosofia yoga e con le istanze contemporanee“.

Quindi la favola si pone come strumento ideale, attraverso gli asana proposti in maniera dinamica e fluida, per esercitare il corpo, renderlo flessibile e forte imitando le posizioni degli animali e degli elementi della natura, ma anche per trasmettere valori come la collaborazione, la generosità, la condivisione ecc…
Infatti la favola, come sappiamo ha sempre una morale su cui poi si può eventualmente riflettere insieme al termine della seduta.
Nelle mie, poche, esperienze di insegnamento dello yoga ai bambini, ho sempre inserito il momento della favola. Alcune inventate da me, altre proposte attingendo da varie fonti e libri.
Negli ultimi giorni ho fatto degli acquisti in vista dell’avvio del mio primo corso per bambini ( sono superemozionata!). Tra i libri acquistati due propongono proprio delle storie.

img_8182

Le quattro storie, due per ogni libro sono proprio carine e le illustrazioni mi piacciono molto.
All’inizio vengono illustrate le due sequenze ( su una devo dire che non mi sembra molto fluida, ma ci lavorerò sopra) e poi man mano che il racconto procede il nome della posizione in sanscrito, il suo significato e i benefici.

img_8176

img_8177

img_8178

img_8179

img_8180

Tutte le storie trasmettono il loro messaggio educativo.
Il piccolo Huddàian è sempre molto triste perchè gli altri bambini lo prendono sempre in giro. Ma il grande saggio gli mostrerà che è proprio negli esseri piccoli e apparentemente insignificanti che si celano delle meraviglie…

A parte quindi piccoli aggiustamenti personali sono certa che utilizzerò queste favole nelle mie lezioni.
Un acquisto andato a buon fine.

Irene Cocchi- Filippo Curzi
I racconti dello Yoga
Gli animali del bosco e La storia di Huddàian.
Edizioni Macro

Con questo post partecipo all’iniziativa “Il venerdì del libro” di Homemademamma

Marzo

cof

Buon inizio marzo cari amici!
Questo sarà un mese molto intenso ( e quale mese non lo è?!?!?!?).
Tra due settimane comincerò il mio primo corso di yoga per bambini.
Sono entusiasta di questa cosa e ci sto lavorando con passione ( giuro che prima o poi pubblicherò qualcosa!).
Mi sta aiutando molto il corso di formazione AIPY che sto facendo ( questo fine settimana si parlerà dell’importanza dei riti per i bambini e poi ancora tanta didattica), senza contare che le mie compagne di corso sono eccezionali. Non mi sono mai trovata così bene in un gruppo. Entusiasmo, voglia di condividere ( anche su WhatsApp per sere intere!).
Bello, bello, bello!
In questo mese succederà un’altra cosa molto bella. I miei ragazzi di catechismo ( cresimandi) incontreranno Papa Francesco il 25 marzo allo Stadio di San Siro in occasione della visita del Pontefice nella nostra città. Io non ci sarò, perchè sarò impegnata in un altro seminario per il mio lavoro ma sono sicura che per loro sarà un’esperienza importante.
E poi marzo è il mese della primavera. Già da qualche settimana ci sono le prime gemmine sugli alberi e l’aria anche se ancora freddina è diversa.
Io ho voglia di primavera. Di rinnovamento. Di vita nuova.
E voi?
Un abbraccio grande a chi passerà di qui oggi… e anche domani 🙂