Le carte Yoga Ratna

Quando nel 2008 ho maturato la decisione di intraprendere un corso di formazione per l’ insegnamento dello yoga avevo pensato di seguire la Scuola di formazione Yoga Ratna della maestra Gabriella Cella.
Il suo libro, “Il gioiello dello yoga” è stato uno dei primi che ho acquistato e mi aveva immediatamente conquistato l’amore per il simbolo, per una pratica che fosse in linea con l’andamento delle stagioni e la connessione della pratica con i cinque elementi ( terra, acqua, aria, fuoco ed etere).
Purtroppo non mi è stato possibile.
Era il periodo in cui la mia piccola Matilde, catapultata alla scuola primaria, soffriva tantissimo anche a causa delle difficoltà che poi si sono rivelate essere Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Non me la sono sentita di rimanere impegnata per quattro anni ( la durata del corso di formazione) e rimanere fuori casa e in un’altra città ( Piacenza) un fine settimana al mese.
Così ho cercato possibilità a Milano e dopo numerose telefonate e mail a vari centri e scuole di formazione ho optato per l’Isyco ( Istituto per lo studio dello yoga e delle culture orientali) che mi permetteva di avere anche una formazione approfondita dal punto di vista culturale e filosofico ( uno dei docenti è il Professor Stefano Piano, storico delle religioni, orientalista e indologo).
Si è rivelata una scelta felice, anche perchè la docente di asana e didattica era Lorenza Ferraguti, che mi ha trasmesso l’amore e la passione per il metodo Satyananda che come ho già avuto modo di scrivere sul blog è il metodo che pratico e che cerco di trasmettere a mia volta.
Ma lo Yoga Ratna mi è sempre rimasto nel cuore e nel corso degli anni ho acquistato parecchi libri della maestra Cella e mi propongo prima o poi di partecipare ad un suo seminario, magari nell’Ashram Surya Chandra a Caselasca di Bettola, praticamente ad un tiro di schioppo dal luogo in cui trascorriamo le nostre ferie sulle colline piacentine.
L’anno scorso poi mi sono imbattuta in un blog di una sua allieva, Sonia Squilloni, che oltre ad essere insegnante di yoga è una grafica creativa che… crea delle meraviglie.
Come per esempio le magliette dedicate ai chakra ( quella di quest’anno è dedicata a Svadhisthana), il poster yoga ratna ( che è stato progetto della sua tesi alla conclusione del corso di formazione) e le carte yoga ratna.
Come potevo non acquistare queste meravigliose carte (oltre alle magliette)?
Si tratta di un mazzo di 54 carte che comprendono ovviamente le posizioni ma anche le carte dei Maha Chakra e 10 carte Yama e Niyama.
Non vi descrivo come si utilizzano le carte, perchè son sicura che le acquisterete e le vedrete arrivare a casa in un grazioso sacchettino e con un piccolo fascicolo con tutte le spiegazioni.
Vi dico soltanto che si riveleranno uno strumento prezioso per personalizzare la vostra pratica.
Come le utilizzerò io?
La prossima sarà l’ultima settimana di lezioni prima della pausa estiva per me e le mie allieve e così ho pensato di proporre loro una pratica proprio ispirata alle carte.
Una pratica in cui lavoreremo su tutti i chakra…

Visto il caldo sarà una pratica tranquilla, che si conclude con il respiro del sole e della luna, equilibrante e calmante.
Ho abbinato la carta di Ahimsa, la non violenza…

Non essere violenti con se stessi o gli altri, eliminare odio e paura, le vere cause della violenza, per ricercare l’amore universale incondizionato.

Come si traduce ahimsa nella pratica dello Hatha Yoga?

Nella tua pratica non soffrire, non forzare oltre i limiti il tuo corpo

Lo yoga finisce dove inizia il dolore e la fatica
Gabriella Cella

Annunci